Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 26 nov – Allarme alcolismo dall’Istituto Europeo per il trattamento delle Dipendenze (IEuD): durante il lockdown, nelle case degli italiani si è registrata una crescita esponenziale del consumo di bevande alcoliche. Tra mortalità neonatale triplicata e milioni di screening oncologici saltati sembra non avere fine lo strascico di drammi sociali legati alle restrizioni per il coronavirus.



Il lockdown è terreno fertile per l’alcolismo

Nella fattispecie, l’alcolismo è una delle dipendenze più insidiose perché trova humus fertile nella solitudine e nell’isolamento forzato del lockdown. «L’aumento del consumo di alcolici durante il lockdown si evince chiaramente dai dati delle vendite diffusi a livello nazionale e il nostro territorio non fa eccezione. Si parla di un aumento del 180%, anche grazie alle consegne a domicilio», spiega a MBNews il dottor Giovanni Galimberti, direttore del Sert di Monza. L’insidia nasce proprio perché «l’alcol è senza dubbio la sostanza, dalle proprietà falsamente auto-medicative, più facilmente reperibile e accessibile a tutte le tasche».

Black Brain

Boom di accessi dopo maggio 

Galimberti illustra le criticità relative al territorio di sua pertinenza:«Nello specifico, per quanto riguarda il nostro territorio, sono stati 160 gli accessi totali ai nostri servizi post lockdown, compresi di nuovi soggetti, ricaduti nella dipendenza e altri che hanno virato da altre dipendenze. Di questi sono 96 i nuovi mai conosciuti prima», sottolinea. «Al di là del numero assoluto, a preoccuparmi maggiormente è stato proprio il boom di accessi appena terminate le restrizioni, ovvero tra maggio e giugno».

Identikit dell’alcolista da lockdown

Per quanto riguarda il sesso e l’età media dei consumatori, «Si tratta in media di maschi per il 75%, mentre l’età media è di 44 anni per entrambe i sessi. E’ altresì importante sottolineare che riguardo a quest’ultimo dato, la curva Gaussiana è piuttosto piatta, ovvero abbiamo soggetti di 70 anni come giovani di 25/26». Il consumatore-tipo è abituale, ricaduto «nella dipendenza. Una parte invece è costituita da coloro che abitualmente fanno uso di sostanze stupefacenti e durante il lockdown, per la difficoltà di reperirle, hanno ripiegato almeno in parte sull’uso di alcol, sempre facilmente recuperabile anche con una spesa contenuta». Infine ci sono i nuovi, «quelli che non hanno mai avuto alcuna dipendenza da sostanze stupefacenti o alcol, ma che durante i duri mesi passati, hanno avuto importanti problemi psicologici, che li ha condotti al consumo di alcol, nella falsa convinzione che potesse lenire i loro malesseri profondi».

Un problema che riguarda tutti

L’alcol, a differenza della droga, e proprio perché privo dello stigma sociale tipico delle sostanze stupefacenti, «viene comunque consumato e abusato in tutte le fasce della società. Non è quindi una sostanza esclusiva dei più disagiati. I giovani sono più avvezzi al consumo di birra o superalcolici soprattutto durante l’aperitivo, gli adulti di età media sono invece più inclini all’assunzione di vino». Si registrano differenze anche nelle modalità di assunzione: «gli uomini sono soliti bere in compagnia degli amici, mentre le donne adulte lo fanno più in disparte, nella solitudine delle mura domestiche».

Cristina Gauri

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. C’è alcool ed alcool, di qualità o non. Se non hai soldi, bevi acqua! Comunque, in vino veritas, con la droga no e poi no!!

Commenta