Roma, 3 gen – Dopo il blitz a palazzo Madama di ieri e nonostante le misure di certo non draconiane prese nei loro confronti dalle autorità (non è stata emessa nessuna misura cautelare), gli attivisti di Ultima Generazione rilanciano e parlano addirittura di “ennesimo abuso” e di “deliri complottisti”.

Il comunicato di Ultima Generazione

“Ci troviamo di fronte all’ennesimo abuso, a un’azione volta a intimorire e criminalizzare chi sta cercando di portare l’attenzione sul vero crimine che questo governo sta perpetrando. Noi continueremo ad opporci”. Così si giustificano i gretini di Ultima Generazione in un comunicato. Nessun pentimento, anzi si giocano la carta immancabale del vittimismo. Passano poi al contrattaco cercando di spiegare le proprie ragioni: “Questa mattina il palazzo del Senato è stato imbrattato di vernice arancione lavabile da alcuni cittadini che aderiscono alle richieste di Ultima Generazione per l’abbandono dei combustibili fossili, che il governo e la classe politica che lo sostiene continuano a finanziare e incentivare, accelerando il collasso eco-climatico e condannando i loro stessi concittadini a sofferenze e morte”. Sul loro sito troviamo anche la testimonianza di uno degli attivisti: “Ho deciso di prendere parte a questa azione di disobbedienza civile perché ritengo che il governo italiano non stia facendo abbastanza per proteggere la mia generazione e quelle successive dal collasso climatico. Spesso piango e ci sto male, perché per farlo devo sacrificare parte della mia vita e della mia libertà”.

Il culmine di questo atteggiamento passivo-aggressivo e un po’ frignone lo raggiungono commentando le reazioni della politica: “Sapevano benissimo che a quell’ora di lunedì non avrebbero trovato nessun politico e non avevano intenzione di attaccare nessuno. Eppure per tutto il giorno si è assistito a un patetico profluvio di dichiarazioni di condanna e di deliri complottisti da parte di chi dovrebbe dedicarsi a mettere in salvo il Paese e il suo popolo, invece che preoccuparsi per se stesso”. Non solo hanno vandalizzato il Senato, ma volevano pure gli applausi. In questo teatro dell’assurdo quelli di Ultima Generazione sono talmente sicuri delle proprie idee da vedere in qualsiasi posizione contraria qualcosa di inammissibile, di irrazzionale, appunto “deliri complottisti”.

Il fronte gretino si spacca: il caso di Extinction Rebellion Uk

Non lontano da noi – nel Regno Unito – un gruppo simile a quello di Ultima Generazione ha invece deciso di cambiare strategia. È il caso di Extinction Rebellion, che ha annunciato sui social: “La smettiamo. Con l’inizio del nuovo anno, prendiamo una risoluzione controversa per abbandonare temporaneamente l’interruzione pubblica come tattica principale”. Anzi, l’imbrattamento del Senato da parte di Ultima Generazione sembra un tentativo di risposta a Extinction Rebellion, rilanciando sul versante delle azioni eclatanti.

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Siete solo dei bastardi senza gloria e spero che siate davvero l’ultima generazione di un concepimento tarocco

Commenta