Bolzano, 17 feb – L’attacco alla toponomastica italiana in Alto Adige, dopo vari tentativi pregressi, si era concretizzato nel 2012, quando il 16 dicembre il consiglio provinciale altoatesino aveva approvato una discussa Legge che avrebbe abolito gran parte dei nomi di luogo italiani. Ad approvare la proposta era stata la Svp, supportata naturalmente dal Partito Democratico che ha ceduto ai voleri volksparteisti. Questo provvedimento aveva introdotto l’aberrante principio dell’uso storico dei vari toponimi. Uso che avrebbe dovuto essere verificato da «un comitato composto da sei persone esperte in materia storica, geografica e cartografica, che viene nominato dalla Giunta provinciale per la durata di una legislatura».

La Legge cozzava con lo Statuto di autonomia, che, nell’articolo 8, afferma che le province hanno la potestà di emanare norme legislative in materia di toponomastica «fermo restando l’obbligo della bilinguità nel territorio della provincia di Bolzano», e che, nell’articolo 101, prevede che: «Nella provincia di Bolzano le amministrazioni pubbliche devono usare, nei riguardi dei cittadini di lingua tedesca, anche la toponomastica tedesca, se la legge provinciale ne abbia accertata l’esistenza ed approvata la dizione».

La toponomastica italiana, quindi, per lo Statuto di autonomia è intoccabile, essendo l’unica legalizzata. Di conseguenza, esattamente due mesi dopo, il Governo Monti impugnava tale provvedimento attraverso un ricorso riccamente argomentato che ha demolito il testo della Legge voluta dalla Svp.

A questo punto la Stella Alpina ha iniziato a manovrare per evitare il pronunciamento della Corte Costituzionale, che sicuramente avrebbe fatto a pezzi la norma. Nel settembre del 2016, la Svp si è così accordata con il Governo Renzi per elaborare, all’interno della Commissione dei 6, una norma di attuazione dello Statuto che avrebbe dovuto definire nuovi criteri per limitare l’attuazione del principio del bilinguismo nella toponomastica altoatesina. Ciò col fine di eliminare ulteriori nomi di luogo in lingua italiana.

LA SVENDITA DI RENZI

Secondo l’esponente del centrodestra Alessandro Urzì, la lingua italiana sarebbe stata svenduta da Renzi in cambio del sì della Svp al referendum costituzionale che si sarebbe svolto da lì a un paio di mesi. Fortunatamente tale manovra è stata bloccata dal membro della commissione dei 6, Roberto Bizzo.

A questo punto la parola sarebbe dovuta passare alla Consulta, che avrebbe dovuto decidere riguardo alla legittimità costituzionale della Legge provinciale del 2012. Per evitare che la Corte, con la sua sentenza, mettesse la pietra tombale sulle sue pretese riguardanti la toponomastica, la Südtiroler Volkspartei si è accordata con i leghisti, suoi nuovi partner di Giunta, per abrogare la già menzionata normativa, in modo da fare cadere l’impugnativa dello Stato per poi ripresentare un nuovo Disegno di Legge.

Purtroppo per la Svp, però, una pronuncia della Consulta in tema di nomi di luogo, c’è già stata e riguarda il caso del nuovo comune, nato nell’autunno del 2017 dalla fusione di Pozzo e Vigo di Fassa, che è stato denominato Sèn Jan, cioè unicamente in ladino. In seguito ad un ricorso, i Giudici costituzionali hanno imposto la denominazione bilingue “San Giovanni di Fassa – Sèn Jan”, ribadendo l’impraticabilità di qualsiasi superamento del bilinguismo perfetto, così come è sancito dallo Statuto di autonomia della Regione Trentino-Alto Adige.

Pur essendo un caso riguardante il Trentino, la Corte Costituzionale ha affrontato anche la situazione altoatesina, affermando che «l’incrocio dei due valori costituzionali – primazia della lingua italiana e tutela delle lingue minoritarie – si pone con particolare accento nell’ambito della toponomastica». E ancora: «Lo Statuto speciale reca altresì disposizioni in tema di toponomastica le quali, dettando una disciplina che è profondamente influenzata dalle vicende storiche che hanno interessato la Regione nel corso della prima metà del secolo scorso, non apportano, tuttavia, alcuna deroga all’ufficialità della lingua italiana – la quale, dunque, dev’essere necessariamente adoperata anche in tale ambito – ma si limitano a imporre, nei vari casi, l’utilizzo di denominazioni anche in lingua tedesca, ladina, mochena o cimbra», che non possono quindi sostituire, ma meramente aggiungersi a quelle intoccabili in lingua italiana. Secondo la Consulta, infine, l’utilizzo di una toponomastica in solo tedesco o in solo ladino violerebbe gli artt. 5 e 6 della Costituzione, «in quanto la garanzia delle minoranze linguistiche e l’unità e indivisibilità della Repubblica ostano all’utilizzo di denominazioni toponomastiche espresse solo mediante l’uso dell’idioma locale».

Questa storica sentenza dovrebbe aver messo la parola fine anche a eventuali futuri tentativi volksparteisti di attacco alla lingua italiana in Alto Adige.

Eriprando della Torre di Valsassina

Commenti

commenti

3 Commenti

  1. “l’utilizzo di una toponomastica in solo tedesco o in solo ladino violerebbe gli artt. 5 e 6 della Costituzione, «in quanto la garanzia delle minoranze linguistiche e l’unità e indivisibilità della Repubblica ostano all’utilizzo di denominazioni toponomastiche espresse solo mediante l’uso dell’idioma locale».”

    Giustissimo, ma allora perché in Valle d’Aosta, ad eccezion fatta per il suo capoluogo, i nomi dei comuni sono solo in lingua francese? Anche lì il Fascismo aveva provveduto ad italianizzare la toponomastica.

  2. Se la svp avesse ricevuto più soldi da Roma per agevolare le proprie politiche autoctone magari tutto sarebbe rimasto nel cassetto……… nonostante uno statuto speciale l’alto adige porta avanti una politica assai dispendiosa per il territorio di pertinenza con una tassazione elevatissima che non permette o consente uno sviluppo sereno del territorio,con zone d’ombra non indifferenti……….per cui , un cartello in più o in meno in tedesco , non cambia le difficoltà di una regione potenzialmente ricchissima ma anch’essa alle prese con una immigrazione fuori controllo ed un impoverimento generato ,anche, dalle falle di un sistema pubblico allo stremo,con milioni di euro buttati al vento per agevolare,curare, mantenere e far studiare a spese nostre migliaia di islamico africani che non fanno un cazzo dalla mattina alla sera, parassiti nullafacenti che vengono tutelati e scaldati con migliaia di euro a famiglia………..a questo schifo dovrebbero pensare i fenomeni della svp.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here