naufragio barconeRoma, 4 mar – Non si fermano le tragedie al largo della Sicilia e non si arrestano neppure gli sbarchi. Il bilancio complessivo di ieri è di 941 migranti salvati dalla Guardia Costiera, sette operazioni effettuate in meno di 24 ore, e un barcone naufragato: 10 morti e 121 persone tratte in salvo dal rimorchiatore “Occ Cougar” e dalla nave “Dattilo”. Aperta un’inchiesta da parte della Procura di Siracusa per naufragio e omicidio plurimo colposi.

Sono stati inoltre dirottati 3 mercantili, disposto l’invio della nave Fiorillo della Guardia Costiera ed è stato richiesto l’impiego di 1 unità della Marina Militare, già intervenuta in soccorso, inserita nel dispositivo Triton.

Per il ministro dell’Interno Angelino Alfano si tratta di “un evento successo a 30 miglia dalle coste della Libia e che ha determinato un soccorso italiano nei confronti di immigrati che rischiavano di morire“. Dieci in realtà sono già morti e un migliaio verranno accolti nelle strutture predisposte in Italia. La Polizia ha già incaricato agenti per organizzare l’arrivo al centro di primo soccorso e assistenza

Matteo Salvini va all’attacco di Ue e governo su facebook: “Altri 10 morti e 900 clandestini pronti a sbarcare. A Roma e a Bruxelles ci sono tasche piene e mani sporche di sangue. Stop alle partenze, stop alle morti, stop invasione! Renzi e Alfano, siete pericolosi per gli italiani e per gli immigrati”

Eugenio Palazzini

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here