Roma, 18 mar — Il governo toglierà l’odioso e odiato green pass, sì, ma solo per palese incompatibilità con la situazione di migliaia di profughi ucraini non vaccinati (quasi il 70%), che nei prossimi mesi si riverseranno entro i nostri confini: a dirlo è uno stizzito Gianfranco Vissani, che all’AdnKronos commenta così la notizia del nuovo decreto in cui viene stabilito che dal 1° maggio non sarà più richiesta la certificazione verde neanche per i locali all’interno.

Vissani: tolgono il green pass perché arrivano ucraini non vaccinati

«Tolgono il green pass? Lo fanno per mettersi al riparo di fronte alla contraddizione di accogliere in Italia milioni di profughi dall’Ucraina che non sono vaccinati», è l’affondo del sanguigno chef toscano. In altro modo si verrebbe a creare una disparità di trattamento troppo evidente. «Si stanno adeguando – spiega – a ricevere chi fugge da una guerra orribile che per ora in Italia, stando a come stanno andando le cose, ha come conseguenza immediata, con questo decreto, la vittoria dei no vax». Ma secondo Vissani non basta cancellare il green pass perché «tutto torni come prima».

Nessun aiuto

Lo chef si scaglia quindi contro l’assenza di reali aiuti da parte delle Stato nel corso di due anni di restrizioni che hanno messo in ginocchio il settore della ristorazione (e non solo). «Ristori mai ottenuti o insignificanti, a fronte dell’Iva che resta al 22 per cento, dell’aumento del prezzo dei carburanti contro il quale nessuno ha protestato. Senza contare quello del gas e della luce». Cruciale il nodo dell’energia: «Continuano a chiedere di pagare e intanto l’eolico non possiamo metterlo perché danneggia il paesaggio, il nucleare è rischioso, il gas della Sicilia non possiamo prenderlo, i pozzi di petroli nell’Adriatico potrebbero inquinare. E allora siamo costretti a importare energia dall’estero… con le centrali atomiche al confine», riferendosi al nucleare francese.

«Da parte mia ho deciso», chiosa scherzosamente — ma non troppo. «Per far fronte a bollette che ho visto quadruplicarsi, mi produrrò il biogas con la popò dei cinghiali. Ne passano a centinaia, la mattina, di fronte al mio ristorante…».

Cristina Gauri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

9 Commenti

  1. G.Vissani, apri una bella mensa nazional-popolare al posto del ristorante “tuo” (in I di “mio, tuo, nostro” non c’è più nulla ma vallo a far capire…), e vedrai che benefici anche per la tua precaria elasticità psico-fisica !

  2. Credo che Vissani sbagli, ma potrei sbagliarmi.
    I profughi erano una risorsa per giustificare milioni di vaccini inutili ed ancora inutilizzati ma già pagati con i soldi dei contribuenti
    https://www.ilprimatonazionale.it/politica/draghi-profughi-ucraini-tampone-ogni-48-ore-accettano-vaccinarsi-226561/

    La realtà temo sia che #Marione e compagni pur se pare sponsorizzati dagli associati al World Economic Forum abbiano capito che ignoranti a pancia vuota non sono molto inclini alla ragione, ricorda niente la rivoluzione francese?, ed abbiano iniziato a sentire prurito al collo 😀
    Ma potrei sbagliare 😛

  3. Certo , tutto quello che fa comodo alla casta draghi, mandiamo armi tanto poi i faccia di merda draghi se ne va a londra e le bombe le pigliamo noi!!! li mortacci vostra!

  4. vissa’ ma vai a fa’ le piadine va’ e lascia perde di cucinare quello schifo di trippa coi gamberi o quella merda di vongole al caffe’ che proponi

  5. Caro MA POTREI NON SBAGLIARE aka EVAR io sono semplicemente un comune mortale che “indovina” (non è difficile conoscendo le debolezze dei boccaloni che sfruttano sperando di spillargli soldi) tutti i giorni l’andamento dei mercati finanziari mondiali
    https://www.ilprimatonazionale.it/economia/caro-benzina-prezzi-salita-alla-faccia-taglio-accise-228149/#comment-85020

    che siano carta straccia, pardon, azioni o merci come nel caso del petrolio.

    Sono una persona più che umile, pallone gonfiato è chi esprime giudizi fondati sul niente semplicemente sperando di screditare chi dice la verità perché la verità è inquerelabile.

    Ti ho già avvisato una volta, torna a rifugiarti a Botteghe Oscure e stai attento che l’art. 595 codice penale vale anche in internet e non è stato abrogato.

Commenta