Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 29 apr – Niente da fare, nonostante la straordinaria simpatia che suscita Gad Lerner e l’estremo coinvolgimento che provoca nel telespettatore medio, l’esordio della sua trasmissione sulla Resistenza titolata La Scelta è un flop di proporzioni bibliche.

Sangue di Enea Ritter

Il best of della Resistenza

La trasmissione si chiama La scelta e raccoglie un best of di testimonianze partigiane. L’esordio è stato lunedì 27 aprile sull’ex (?) Telekabul Rai 3. In concorrenza con Stasera Italia su Rete 4 e con la serie Instinct su Rai 2 non sembra aver coinvolto troppo gli spettatori italani. Lerner è sprofondato in un tombale 4% di share (almeno ha battuto le repliche di The O.C. su Italia 1). Insomma, uno dei programmi con gli ascolti più scarsi di tutto il palinsesto di Rai 3 dalla fascia pomeridiana a quella notturna. Il Tg3 ha raggiunto la quota 17,6% e Report ha raggiunto il 9,2%.

Black Brain

La stessa sorte de L’Approdo

L’approfondimento partigiano di Lerner ha sgraffignato più di un milione di spettatori in un orario (le 20.20) in cui davvero molti italiani sono davanti alla tv. Lerner non sembra avere molta fortuna, visto che anche il suo L’approdo era partito con un milione e 174 mila spettatori per precipitare ai 353mila dell’ultima. La scelta purtroppo, andrà in onda “solo” fino all’8 maggio. Per allora, preferiamo approfondire qualsiasi fenomeno storico sulla concorrente (in casa) Rai Storia. Forse di un ulteriore, boriosissimo e lentissimo approfondimento di Gad Lerner non avevamo bisogno – ci dispiace per quei 90enni costretti a parlare con lui per tutto quel tempo.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. “La scelta purtroppo, andrà in onda “solo” fino all’8 maggio” .Peccato, dopo l’8 Maggio non farà piu’ i pipponi anpi? Vogliamo scommetere che non accennerà nemmeno ai migliaia di omicidi,stupri, rapine, etc. effettuati su gente inerme dopo l’armistizio del 25 Aprile 1945 dalle bande partigiane comuniste?
    Purtroppo per raccontarci di quanto era bella la resistenza e di come ha prodotto un paese stupendo e sovrano,domiciliari ed impoverimento di massa esclusi, prenderà anche un mucchio di soldi

  2. Nonostante la straordinaria simpatia che suscita Gad Lerner e l’estremo coinvolgimento che provoca nel telespettatore medio,… Hanno rotto i c…. có Sté fandonie, ripetute a “disco rotto”… pure al telespettatore medio, che a forza di sentirle, inizia finalmente a far una opinione! Come si dice: repetita adiuvat, perseverare autem diabolicum!

  3. Un fallito resta fallito, la merda resta metda un idiota resta idiota anche se gli viene data importanza, anche se guadagna milioni, anche se è protetto e sponsorizzato da infami peggiori di lui. Lerner è un parassita, un utile idiota un piccolo giudeo che fa il proletariato col culo degli altri. Infatti i suoi stessi compagni lo schifano. Igiudei si vergognano di lui. Spero toccherà con mano cosa significa vivere con 800 € mese. Pezzo di merda

Commenta