Il Primato Nazionale mensile in edicola

Bruxelles, 30 dic – Sta diventando un caso nazionale in Belgio quello del ciclista che la sera di Natale ha sferrato un calcio (più precisamente una ginocchiata) ad una bambina facendola cadere. La vicenda è accaduta a Jalhays, in Vallonia, lungo un sentiero di campagna innevato. Nel video, diventato subito virale, si vede una bambina che passeggia in compagnia della madre. Alle loro spalle appare il ciclista che inizia anche a suonare il campanello. La bambina resta al centro della stradina costringendo il ciclista a passare sul bordo. A quel punto il gesto di stizza dell’uomo appare evidente e sferra una ginocchiata alla bambina che cade in terra.

Il video del calcio sferrato dal ciclista alla bambina

https://www.youtube.com/watch?v=GEJNhRS2NTc

Il ciclista rischia fino a un anno di carcere per aggressione e percosse

La bambina fortunatamente non si è fatta nulla. Sui social però la questione è montata a dismisura, con migliaia di messaggi contro il ciclista-pirata. E’ intervenuta allora anche la procura di Verviers, che ha aperto un fascicolo sull’accaduto e ha rilanciato il filmato sui social, chiedendo informazioni sul ciclista. L’uomo è stato infine identificato anche se per ragioni di sicurezza il nome è noto solo agli inquirenti: è un sessantunenne. L’avvocato del ciclista ha rilasciato delle dichiarazioni pubbliche: “Ha inavvertitamente colpito la bambina mentre cercava di non perdere l’equilibrio dopo un passaggio a lato della strada”. Il legale ha poi invitato tutti alla “calma e alla serenità”: secondo lui l’analisi del video permette “a chiunque usa la bici di comprendere che quel movimento è stato del tutto usuale in una situazione del genere”.

Il ciclista ora rischia addirittura fino a un anno di carcere per “aggressione e percosse”. Lui si difende sostenendo di essersi fermato per accertarsi delle condizioni della bambina e per scusarsi, imbattendosì però “nell’aggressività del padre“. Per questo motivo e non per indifferenza dunque si sarebbe poi allontanato. Purtroppo per il ciclista tutto questo nel video non si vede e resta solo il colpo sferrato alla piccola e lui che se ne va. In ogni caso a febbraio si terrà il processo nei confronti del ciclista che, come detto, rischia fino a un anno di carcere.

Davide Romano

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. beh,direi che è da mettere in prospettiva:
    dal filmato si vede chiaramente che il ciclista ha cercato di evitare la bambina spostandosi a destra,
    e si vede anche che si trattava di una pista ciclabile e che c’era neve dappertutto,cosa che gli avrebbe impedito di frenare in sicurezza
    (anzi probabilmente se avesse frenato sarebbe caduto addosso alla bambina,e allora si che si faceva male)

    poi questo non toglie niente al comportamento maleducato e aggressivo del ciclista,
    ma non è niente che non si curi con un bel pò di insulti e qualche sberlone,se è il caso:
    di sicuro NON con polizia tribunali denunce ecc:
    tutta gente che deve reprimere IL CRIMINE,non la maleducazione.
    ma molti se lo sono scordato…..

Commenta