Il mondo delle criptovalute interessa migliaia di investitori provenienti da ogni parte del mondo. Da anni, ormai, le currency digitali sono diventate appannaggio di utenti con capitali di investimento di diversa entità. La valuta che ha dato inizio a questo fenomeno, nei primi anni 2010 fu il Bitcoin. Sebbene, oggi, le criptovalute continuano ad essere un elemento di punta del panorama di riferimento, esse hanno subito diversi crolli, specie negli ultimi tempi.

Il decorso del Bitcoin, in particolare, è qualcosa che sta interessando i maggiori economisti essendo, questa, stata sempre considerata la principale forma di criptovaluta. Lo “stato di salute” di questa currency digitale decreta, per certi versi, le condizioni dell’intero mercato, vista la sua profondissima importanza. La crypto in questione fu concepita da Satoshi Nakamoto, pseudonimo con cui definiamo il creatore o il gruppo che l’ha sviluppata.

Durante la pandemia, il Bitcoin e le crypto in generale hanno affrontato un aumento copioso dei prezzi d’acquisto, facendo schizzare le quote verso picchi altissimi. Negli ultimi tempi e, in particolare, dal rientro dell’emergenza sanitaria globale, le crypto hanno attraversato alti e bassi vertiginosi che, in diversi casi, hanno sfiduciato gli investitori, specie i più piccoli. Stando alle ultime previsioni, poi, sembrerebbe che il Bitcoin subirà un crollo ulteriore e, questa volta, particolarmente significativo. Scopriamo, di seguito, i dettagli della vicenda.

Bitcoin e crypto, cosa serve sapere

Prima di scoprire le ultime sul mercato delle criptovalute e, in particolare, sulle dinamiche del Bitcoin, occorre chiarire gli assunti fondamentali che, agli investitori, sono stati chiari sin dalla nascita di queste currency digitali. La loro diffusione, infatti, ha fatto comprendere a moltissime persone cosa, di fatto, distingua la criptovaluta dalla moneta convenzionale in maniera più marcata.

Queste risorse economiche sono decentralizzate. Ciò significa che nessun governo, banca o ente centrale di qualsiasi forma ne detenga il controllo programmato e diretto. Questo comporta ad una mutevolezza del valore particolarmente instabile e repentina. Il valore delle criptovalute può salire e scendere di moltissimo soltanto in relazione alle quantità di risorse acquistate o vendute con esse o per mezzo delle più tradizionali leggi di mercato.

Questo fattore ha dato vita, ovviamente, a una delle feature più peculiari delle criptovalute, Bitcoin compresi. Parliamo della loro flessibilità estrema e, dall’altro lato della medaglia, la grandissima volatilità del valore. Basti pensare ai picchi raggiunti in pandemia, quando il Bitcoin raggiunse quota 69.000 dollari americani e al crollo vertiginoso registrato all’inizio del 2022 che ha portato ad una discesa a ben 25.000 dollari. Questi dati non hanno potuto non allarmare gli investitori, specie chi, in Bitcoin, aveva speso una grossa quantità di denaro.

Il nuovo, possibile, crollo del Bitcoin preoccupa il mercato di riferimento

È indubbio che, quello attuale, sia un periodo storico particolarmente delicato, le cui conseguenze, si riflettono sotto molteplici aspetti. L’inflazione sta colpendo duramente i paesi occidentali, potenze mondiali comprese. Le dinamiche economiche e sociali degli ultimi tempi non stanno, dunque, giovando al mercato delle criptovalute che, ad oggi, continua a riscontrare importanti tendenze negative. Il valore sarebbe, attualmente, calato sotto i 20.000 dollari.

Gli effetti di tutto questo si stanno riflettendo pesantemente sul mondo delle crypto in generale, non andando, ovviamente, ad inficiare soltanto sui Bitcoin. Sembrerebbe, comunque, che la valuta in questione potrebbe risalire, ma non nel breve periodo molto probabilmente. Per quanto riguarda il crollo del Bitcoin, invece, la currency potrebbe toccare quota 15.000 dollari. Un valore negativo che, di fatto, non si registrava da anni all’interno del mercato. Insomma, per gli investitori, questo, è un periodo di incertezze, ma al contempo, un momento ottimo per acquistare.

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta