Roma, 2 lug – Pier Luigi Bersani deve essere un vero duro. Tant’è che ieri si è anche messo a minacciare Salvini in televisione: o si mette un argine all’«ondata d’odio» contro Carola Rackete, oppure, dice Bersani, «qui si viene alle mani». Nella trasmissione In onda su La7, infatti, il presidente di Articolo Uno ci è andato giù pesante contro coloro che, a Lampedusa, hanno insultato la comandante della Sea Watch al momento dell’arresto. «Abbiamo avuto un ministro degli Interni e un governo che non si sono sentiti in dovere di commentare queste cose – ha affermato Bersani – e di affrontare una vicenda cercando di evitare che si venga alle mani. Io ve lo dico chiaro: se ero lì con quello lì che diceva “Ti stupro”, mi scappa il cazzotto, sicuro».

Le minacce a Salvini

L’ex segretario del Partito democratico, in effetti, non poteva essere più chiaro di così: «Voglio dire al ministro degli Interni di stare attento: o c’è qualcuno che ci mette un argine o se no prima o poi si viene alle mani, ve lo dico io». Che cosa intenda di preciso Bersani non è molto chiaro: sarà direttamente lui a picchiare Salvini oppure si limiterà a legittimare attacchi fisici contro esponenti leghisti? Non si sa, ma l’ex ministro dello Sviluppo economico ci tiene comunque a esporre la sua analisi della vicenda Sea Watch: secondo lui si tratterebbe di «un film che contrappone i duri sovranisti contro i buonisti mollaccioni, imbastito per coltivare il problema dell’immigrazione e non per risolverlo. Non solo la solidarietà diventa un reato, ma diventa un reato anche il naufragio».

Il demofobo Bersani

Invece di chiedersi perché mai la stragrande maggioranza della popolazione sia stufa dell’immigrazione clandestina, dei «taxi del mare» e dei finti umanitari, Bersani ha dunque pensato bene di schierarsi ancora una volta da parte della minoranza dominante. Non è la prima volta e, c’è da scommetterci, non sarà neanche l’ultima. Del resto, l’ex Pci si è distinto più volte per toni forti e totale insensibilità di fronte alle istanze della maggioranza del popolo italiano. Ultimamente, ad esempio, aveva dichiarato che lui, se fosse premier, farebbe subito lo ius soli: «È contrario a quello che pensa l’80% degli italiani? Non me ne frega assolutamente niente», aveva detto il prode Bersani. Che minaccia cazzotti e se ne fotte del popolo sovrano.

Elena Sempione

6 Commenti

  1. Quando vuoi ciccio ….. sono vecchio ma sono un peso massimo , non finisci il 1° round … forse reggi 5 secondi …..
    Fai il serio ! La zoccoletta ha cercato di affondare una motovedetta ITALIANA , dovevano spararle !!!! Pensavo fosse il comunista + intelligente. …mi sbagliavo .

  2. La storia e’ piena di chi parte per suonare, e poi viene suonato …gia’ politicamante bersani e’ uno che di botte ne ha prese , ma tante , ora vuol passare alle vie di fatto ? ma per cortesia , ma per cortesia…

  3. C’è una sinistra varia e multiforme (liberale o post marxista o cattolica) ma accomunata da una cultura ideologica patologicamente e irriducibilmente antinazionale e cosmopolita! Sono Nemici , nient’altro che Nemici dell’Italia e del Popolo!

  4. Che personaggio ridicolo che fà il bullo a settant’ anni! Non sa’ piu’ che inventarsi per riprendersi tutti i voti persi ma cosi’ facendo sparisce quindi va’ bene cosi!!Questo Bersani è uno che ha appoggiato o non ostacolato i molti provvedimenti che ci hanno portato alla fame, tipo il pareggio di bilancio in costituzione,legge fornero, cancellazione dell’ articolo 18,etc.,etc., eppure si erge a moralista!

  5. Prendi carola & bersacci, sono come scarafaggi! Che se non li vuoi in cucina, devi usar la medicina! Non vuoi vederli zampettare? L’ insetticida devi usare! In più carola & bersacci ti scodellano negracci! La puttana impenitente ha fatto fessa tanta gente! E bersacci del piddi’ , vuol negracci proprio qui! “nave scuola” , la puttana! Riciclata: “capitana”! Impone a tutti la negranza! E ti schiaccia la Finanza! Si è già fatta “cavalcare”! Si è stufata e va per mare! Perché a fare la scafista: soldi e fama da “tronista”! Lei sa già che qui in Italia, paga proprio chi non sbaglia! Mentre chi fa il delinquente, qui non rischia proprio niente! È la scuola di Schettino: chi più sgarra, più è furbino! Spero solo che bersacci, per amor di “capitana” , prenda in faccia dei pugnacci, suonato come una campana! E che qualcuno che i negracci non li vuol proprio vedere, gonfi il culo di bersacci con tanti calci nel sedere! Auguro alla “capitana”, tanti guai, grane & galere! Da schifare navi e mare, e tornare al suo “mestiere”!

  6. se volete venire alle mani…state attenti a non farvi la bua questa volta,con o senza Hazel 36 appresso.

Commenta