Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 lug – Green pass dal 5 agosto, obbligatorio sia nei bar che nei ristoranti ma solo al tavolo e se la consumazione dei clienti avverrà all’interno del locale. Dunque non servirà esibire il certificato verde all’aperto né tantomeno al bancone. Un pastrocchio, comunque fortemente restrittivo. La bozza del decreto, che il ministro della Salute Roberto Speranza e quello degli Affari Regionali Maria Stella Gelmini hanno illustrato oggi ai presidenti di Regione, è insomma per certi versi più “draconiana” di quanto sin qui previsto. Per altri meno. Stando a quanto appreso dalle agenzie stampa, la cabina di regia è terminata da poco e conferma pure la proroga dello stato di emergenza fino a 31 dicembre. Nello specifico ecco tutti i luoghi dove il green pass dovrebbe quindi essere obbligatorio a partire dal 5 agosto.



Green pass dal 5 agosto, obbligatorio nei seguenti luoghi al chiuso

Ristoranti e bar (al tavolo), spettacoli, competizioni sportive, palestre, piscine, fiere, sagre, parchi di divertimento, sale gioco, cinema, teatri, convegni, partecipazione a concorsi pubblici. Non previsto nelle discoteche semplicemente perché il governo ha deciso di tenerele chiuse. Obbligatorio anche allo stadio e ai concerti, ma si discute ancora sulle soglie di riempimento.

Treni e autobus, niente green pass (per ora)

La bozza del decreto presentata dal governo non pare preveda norme specifiche sull’uso del green pass per i mezzi di trasporto. Nessuna specifica sia per quanto riguarda quelli a lunga percorrenza (treni, aerei, navi), sia per per il trasporto pubblico locale (autobus, tram, metropolitane). A breve però la discussione al riguardo dovrebbe essere affrontata, verosimilmente già dalle prossime ore.

Parametri per il cambio di colore delle regioni

Per il passaggio dalla zona bianca alla zona gialla limite al 10% per i posti letto in terapia intensiva occupati e al 15% per i reparti ordinari. Le Regioni chiedevano il 20% di terapie intensive, mentre il Cts addirittura puntava alla soglia del 5%. Compromesso di governo dunque.

Zona arancione: passaggio di una regione in zona arancione, soglia fissata al 20% di occupazione dei posti disponibili per le terapie intensive e al 30% per i reparti ordinari.

Zona rossa: passaggio di una regione in zona rossa con oltre il 30% dei posti letto occupati in terapia intensiva e oltre il 40% nei reparti ordinari.

Alessandro Della Guglia



La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Fate sapere a Draghi che un vaccinato si può contagiare alla pari di un non vaccinato.
    E che un non vaccinato non è affatto più contagioso di un vaccinato.

  2. Conosco moltissimi giovani. Già andavano poco in ristoranti e pub prima..
    Se c’è il pass e devono bere in piedi, la birra se la comprano dal pachistano che costa meno.. e se la bevono per la strada, in un parco, in una panchina, in casa dell’amico da qualsiasi parte.
    Consideriamo anche che è la fascia di età meno vaccinata e anche quella che andava leggermente più in giro.. come consumatori in pub, ristoranti, palestre. Bingo! Tanti clienti in meno.
    E quelli che hanno prenotato una vacanza in Italia? molti appena sentiranno che ci vuole il pass anche per il bar disdicono. Moltissimi preferiranno la Germania dove non c’è niente del genere(la Merkel ha vissuto la DDR era contraria), la Svezia non ne parliamo, Inghilterra, ce ne sono tanti paesi.. Solo un pazzo verrebbe in Italia con queste regole.
    Di stupidi ce ne sono molti ma come i politici italiani, è difficile trovarne.
    P.s: la storia di Macron è servita a far fare questa riforma al popolo più “obbediente” ovvero quelli che cantavano nei balconi.

  3. Qui non entrano cani gatti e non vaccinati, questo e’ il cartello che vedremo fuori dai bar e ristoranti , per ora , a quando l’apparteid ? Ma se quella schifezza che chiamano vaccino a febbraio i giornaloni di regime scrivevano che era la salvezza e che nessuno si ammalava dopo il vaccino ora anche chi e’ vaccinato rischia tanto quanto uno libero , vedi Inghilterra che nonostante la campagna mediatica di vaccinazione di massa , la maggior parte dei positivi sono vaccinati compreso Jhonson e sono tutti in quarantena dove vogliono arrivare ?

Commenta