Il Primato Nazionale mensile in edicola

Tokyo, 18 feb – C’è un italiano positivo al coronavirus sulla Diamond Princess, la nave da crociera in quarantena in Giappone. Lo conferma la Protezione civile. I ministeri degli Affari esteri, della Salute e della Difesa stanno lavorando alle operazioni necessarie per il rimpatrio dei cittadini italiani non positivi imbarcati sulla nave-trappola su cui imperversa l’epidemia. “Al momento – spiega la nota – dagli esami sanitari effettuati a bordo della nave, un cittadino italiano risulta positivo al test del coronavirus. Il lavoro delle autorità coinvolte proseguirà per assicurare il tempestivo rientro di tutti i nostri connazionali, garantendo tutte le procedure di sicurezza necessarie”.

Almeno 542 i contagiati a bordo della nave nella baia di Yokohama

In quarantena dall’inizio di febbraio nella baia di Yokohama vicino Tokyo, la Diamond Princess ha almeno 542 persone contagiate a bordo. Il primo passeggero positivo al virus è stato individuato il 5 febbraio. Giovedì 20 con un aereo militare saranno rimpatriati 22 dei 35 italiani a bordo. Sul volo dell’Aeronautica militare che partirà mercoledì da Pratica di Mare per Yokohama potrebbero essere imbarcati anche 35 cittadini di varie nazionalità europee. Degli oltre 3.700 passeggeri a bordo, 454 risultavano già essere stati contagiati mentre altri 88 sono risultati positivi nelle ultime ore.

Usa, Australia e Canada stanno inviando voli per riportare a casa i passeggeri non contagiati

Stati Uniti, Australia e Canada stanno inviando voli per portare via i loro cittadini e metterli in quarantena nei loro Paesi di provenienza. Gli americani sono partiti ieri e tra loro c’era anche un cittadino italiano positivo al virus sposato con un’americana, che quindi risiede negli Usa. Il volo Usa ha imbarcato anche le persone risultate, proprio prima di partire, positive al test, isolandole in una parte dell’aereo. I duecento australiani – tra cui almeno 15 contagiati, saranno evacuati domani. E domani sarà anche il giorno dello sbarco. Ad annunciarlo è stato il ministro della Salute di Tokyo, Katsunobu Kato. “Tutti vogliono andare a casa”, ha dichiarato. “Vorrei creare le condizioni perché possano farlo senza problemi”.

Speranza: “Italiani che erano a bordo saranno messi in quarantena”

Intanto il ministro della Salute Roberto Speranza fa sapere che gli italiani che tornano dalla Diamond Princess “saranno messi in quarantena“. “Si ritiene che questa misura di sorveglianza attiva che abbiamo attivato sia sufficiente. Siamo anche in questo caso all’avanguardia in Europa. Così come siamo l’unico Paese che ha sostanzialmente sospeso i voli dal 30 di gennaio. Siamo anche l’unico Paese d’Europa in cui tutti gli aeroporti sono attivi i termoscanner. Massima attenzione, ma no allarmismo”, sottolinea il ministro ospite della trasmissione Agorà su Rai3. “Proprio perché l’allarmismo rischia poi di produrre effetti sbagliati che sinceramente – conclude Speranza – in questo momento non hanno nessun fondamento di tipo scientifico”.

Ludovica Colli

1 commento

Commenta