Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 19 lug – La lotta all’immigrazione clandestina ingaggiata dal governo italiano deve proseguire in un contesto Ue che tenga conto delle richieste del nostro Paese, che non può e non deve più essere l’unico ad aprire i porti. Anzi, i porti restano sbarrati, alle Ong e ai trafficanti di esseri umani. E per quanto riguarda la distribuzione degli immigrati è necessario un “gabinetto o comitato di crisi sotto l’egida della Commissione Ue, che poi si faccia mediatrice con i governi”. E’ la proposta avanzata dal premier italiano Giuseppe Conte in una lettera inviata al presidente della Commissione europea Juncker e al presidente del Consiglio europeo Tusk. Ad annunciarlo è lo stesso Conte che, in un’intervista al Fatto Quotidiano smentisce contrasti col vicepremier Salvini: “Parla per noi la nostra politica, finalizzata a ridurre le partenze e dunque i morti in mare. Se poi – come confido avverrà – altri Paesi extraeuropei accetteranno di creare non hotspot ma centri di protezione per esaminare le richiesta d’asilo, i veri profughi potremo portarli direttamente noi, con corridoi umanitari, stroncando il traffico degli scafisti”. Il premier è impegnato anche sul fronte dei Paesi di Visegrad: “Sto cercando di convincerli. Perciò ho appena invitato il premier ceco a Roma”. Un incontro ci sarà anche con il generale libico Haftar: “In autunno organizzerò, qui in Italia, una conferenza sulla Libia“.
Intanto Salvini ribadisce la line dura: “Nessuna minaccia potrà fermare difesa dei confini e rimpatri dei clandestini, la musica è cambiata!“. Così sui social il ministro dell’Interno, a proposito di alcune scritte apparse sui muri di Macomer, in Sardegna, di cui riporta notizia una testata locale online.
E la linea del governo italiano funziona: la Guardia costiera libica ha soccorso, mercoledì notte, 156 persone che erano a bordo di un gommone in avaria a 47 miglia a largo della costa di Homs, nel Nord-est del Paese. Tra i migranti c’erano anche 24 donne e 10 bambini. “Hanno ricevuto assistenza medica al porto di Tripoli e sono stati poi accompagnati al centro di immigrazione irregolare di Homs“, ha spiegato un portavoce della Guardia costiera.
Adolfo Spezzaferro



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta