Roma, 22 feb – Maxi-multa da tre milioni di euro per Ryanair da parte dell’Antitrust perchè la nuova policy della compagnia aerea sui bagagli a mano inganna i consumatori sul prezzo effettivo del biglietto.

Lo comunica l’authority, sottolineando che anche Wizz Air è stata multata per lo stesso motivo, con una sanzione di un milione di euro.


L’Agcm – l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, anche nota come Antitrust – ha accusato la compagnia low cost di scarsa trasparenza riguardo alle nuove regole di trasporto del bagaglio a mano, entrate in vigore a novembre.

Ryanair aveva stabilito che la tariffa standard dei biglietti avrebbe incluso la possibilità di portare con sé un unico bagaglio a mano di dimensioni molto ridotte, da poter infilare sotto il sedile. Per portare a bordo un secondo bagaglio a mano – come i trolley, quelli che le altre compagnie di norma imbarcano gratuitamente – era previsto un sovrapprezzo variabile fra i 5 e i 25 euro.

La nuova policy, aveva spiegato Ryanair, avrebbe reso l’imbarco di passeggeri e bagagli più rapido e diminuito i ritardi. Anche la compagnia low cost Wizz Air aveva introdotto delle regole simili ed è stata multata per un milione di euro dall’Antitrust italiana.

“Come emerso dalle istruttorie – spiega l’Antitrust – dal primo novembre 2018 le due imprese consentono ai passeggeri di trasportare una sola borsa piccola, da posizionare sotto il sedile, e non il trolley, con una significativa riduzione dello spazio a disposizione (rispettivamente -65% e -52%), e utilizzano per il nuovo servizio a pagamento proprio lo spazio dedicato negli aerei al trasporto del bagaglio a mano grande, le cappelliere”.

L’Agcm ha concluso nei procedimenti istruttori contro le due compagnie aeree che le loro nuove regole di trasporto del bagaglio a mano “costituiscono una pratica commerciale scorretta in quanto ingannano il consumatore sull’effettivo prezzo del biglietto, non includendo più nella tariffa base un elemento essenziale del contratto di trasporto aereo quale è il ‘bagaglio a mano grande’”: pertanto ha sanzionato le due aziende e ha dato loro 60 giorni di tempo per cambiare nuovamente le proprie regole.

Ludovica Colli

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here