Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 9 gen – L’inviato di Striscia la Notizia, Vittorio Brumotti, è stato aggredito per l’ennesima volta. E per l’ennesima volta è successo mentre documentava il degrado conseguente allo spaccio di droga in Stazione Centrale a Milano. Il fatto è avvenuto sabato scorso, in pieno giorno e queste sono le immagini dell’aggressione trasmesse ieri da Striscia la Notizia.
La dinamica è stata la stessa di sempre: Brumotti ha prima filmato con telecamera nascosta la possibilità di acquistare droga con una certa facilità e poi ha tirato fuori il megafono per denunciare pubblicamente la cosa. I pusher, una cinquantina secondo quanto riferito dal tg satirico, 30 secondo quanto scrive l’inviato sul suo profilo facebook, hanno preso a sassate e bottigliate lui e i due cameraman. Dal video si vede che una delle pietre tirate a Brumotti e alla troupe di Striscia ha raggiunto anche i militari dell’esercito appostati in presidio, che non si sono mossi.
Dopo Bologna, Roma, Parma, Padova e Zingonia, Brumotti e la sua campagna contro lo spaccio e il degrado continuano a essere nel mirino di spacciatori, praticamente tutti africani. La polizia, che presidia la Stazione Centrale di Milano, non è riuscita a evitare l’aggressione ed è intervenuta solo dopo che Brumotti è stato colpito a una gamba. Ha identificato un paio di aggressori e li ha portati via, anche se per poco. Gli altri sono scappati. Dopo essere andato in ospedale a farsi medicare, però, Brumotti è tornato in Stazione e ha trovato lo stesso spacciatore del pomeriggio, tranquillamente al suo abituale “posto di lavoro” dedito a spacciare.
Anna Pedri
 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Siamo veramente alla canna del gas ma i comunistelli ci raccontano di un mondo marziano ,da sky al corriere,dalla rai a repubblica…… infami e servi, per aiutare i vostri amiconi piddini direste persino che il letame vale quanto il diamante…..gentiloni,renzi, boldrini,grasso e affini ci hanno veramente portato nella fogna,per cui,ora,alla stazione centrale di milano comandano i pusher africani……….e nel frattempo i comunisti di sky ci raccontano per chi votare e cosa si può fare……siamo sotto dittatura, o reagiamo entro i prossimi cinque anni o siamo destinati alla morte certa,morte che ci arriverà con proiettile alle spalle poiché gli inetti e i bastardi comunisti solo quello sanno fare.

Commenta