Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 16 mar – “Se l’Ue ha fallito, ha sbagliato, ci ha fregato o è in ritardo, allora è giusto guardarsi intorno“: Matteo Salvini sbotta contro il caos vaccini in Europa, con disorganizzazione e ritardi sulle consegne delle fiale. “Io oggi incontrerò un ministro di San Marino, stiamo continuando i contatti con l’India, speriamo in un’accelerazione delle autorizzazioni dello Sputnik. Se c’è di mezzo la salute degli italiani, vale tutto e non possiamo più aspettare gli errori dell’Europa“, afferma il leader della Lega ai microfoni di Radio Crc, dopo lo stop del vaccino AstraZeneca in mezza Europa.



Salvini attacca l’Ema: “Qualcosa non funziona, a Bruxelles qualcuno dovrebbe essere licenziato”

“Mi fido dei medici, come mi fido del pilota quando prendo l’aereo. Di conseguenza sui vaccini occorre fidarsi di quello che dice la comunità scientifica. A me non interessa se il vaccino arriva dalla Russia o dalla Scandinavia o dall’India ma che gli italiani possano tornare e vivere“, fa presente Salvini. Ma “la cosa che non torna, è che l’Ema, con tutto il casino che sta succedendo su AstraZeneca, si riunisce giovedì per dare una risposta ‘urgente’“, obietta il segretario del Carroccio. “Quindi quando io e la Lega diciamo che a Bruxelles qualcosa non funziona, non è per sovranismo o nazionalismo, ma perché ci sono dei tempi che non corrispondono alle emergenze. A Bruxelles qualcuno dovrebbe essere licenziato. Non è possibile che nessuno paghi le conseguenze di un errore così clamoroso che riguarda la salute di 500 milioni di persone”, è l’accusa di Salvini.

Black Brain

“A me geopolitica non interessa, ci dicano se Sputnik funziona o meno”

“Alla comunità scientifica sui vaccini noi chiediamo risposte chiare. Ci dicano se Sputnik funziona o meno. A Bruxelles, la richiesta di autorizzazione del vaccino russo è ferma da tempo. A me la geopolitica non interessa, non stiamo qui a fare Stati Uniti contro Russia, Rocky Balboa contro Ivan Drago. Se un farmaco funziona e salva le vite, lo si usi subito“, taglia corto il leader della Lega. Intanto che l’Ema decide, conclude Salvini, “ho sentito il ministro dello Sviluppo economico (Giancarlo Giorgetti, ndr) e noi stiamo accelerando sulla produzione italiana. Ci sono state già due riunioni. Non possiamo andare avanti in questa maniera”.

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Salvini, Meloni & company: della politica che arriva sempre e solamente dopo non sappiamo cosa farcene!
    A chiudere la stalla dopo che son scappati i buoi siamo capaci tutti! Chiaro?! Sveglia!

Commenta