Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 10 mar – Una Luna Rossa abbaglia il golfo di Hauraki, tratto costiero nell’Isola del Nord della Nuova Zelanda dove sembrava impossibile tenere testa al team velico di casa. Contro ogni pronostico e spegnendo l’entusiasmo dei sostenitori neozelandesi nella finale di America’s Cup, la squadra guidata da James Spithill e Francesco Bruni compie l’impresa. Tutto sembrava in discesa per New Zealand, più veloce e capace di aggiudicarsi la regata inaugurale per 31”. Invece Luna Rossa ha mantenuto totale freddezza, giocandosi la seconda regata e aggiudicandosela con 7” di vantaggio. La prima giornata di Coppa America si conclude così con un pareggio: 1-1. E per Luna Rossa, quasi superfluo specificarlo, è come una strepitosa vittoria.



Luna Rossa tiene botta e vince

La seconda regata è stata quella più emozionante, soprattutto nella parte finale. Con Luna Rossa che ai gate 3 e 4 aveva di margine circa 25”. Poi però all’ultimo lato di bolina, ovvero al quinto lato di sei, la barca italiana dell’imprenditore Patrizio Bertelli sbaglia scelta strategica e New Zealand ne approfitta trovando vento migliore e accorciando a soli 12”. A quel punto Burling inizia a pressare dietro Spithill, con il margine che inizia progressivamente a ridursi. Alla fine però Luna Rossa tiene botta e trova l’ultima virata con la giusta direzione. La volata vede avanti la barca italiana che vince di 7′‘, pochi ma sufficienti per aggiudicarsi il fondamentale punto.

Il sogno può continuare

“E’ stata un bella regata, una lotta di virate – dice il timoniere australiano di Luna Rossa, Jimmy Spithill – ci siamo rialzati bene dopo gara-1. Abbiamo seguito il piano che ci eravamo prefissi, poi siamo arrivati calmi e abbiamo vinto”. “Adesso vediamo cosa succederà venerdì, non vedo l’ora”.

Luna Rossa dimostra quindi che i Kiwi sono battibili e può giocarsela ancora, a partire dalle altre due regate in programma dopodomani. Il sogno continua, in seguito al trionfo dell’AC75 di Bertelli nella Prada Cup. Dopo 21 anni Luna Rossa si gioca la finale di Coppa America a testa alta, sicura di non sfigurare e di poter affrontare a questo punto alla pari il team New Zealand.

Alessandro Della Guglia



La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta