Milano, 28 giu – “Cous cous-quilie e pinzellacchere”: la cena è servita! Pare che Gabriele Rubini (meglio noto come Chef Rubio), ci inviti tutti (insomma, “quasi” tutti) alla cena “antifà, antirazzista, antisalvinista“.
“Cous cous clan(destino) il 3 luglio 2018, alle ore 20.00 in Darsena, a Milano. Ospite Chef Rubio. Una serata di cibo e solidarietà per scandire forte che nessuno è illegale e nessuna politica può fermare le persone. Cous Cous per garantire una borsa di studio alla figlia di Soumaila Sacko, bracciante e sindacalista ucciso a fucilate a Gioia Tauro”. Così recita il formal invito: Répondez, s’il vous plaît! Un buonismo ben “unto e bisunto”: livello tre stelle Michelin.
Leggi anche – Così Chef Rubio è diventato er Saviano de’ noantri
Certo non bastavano post al vetriolo e salviniane parodie: al menù già ricco della Milano antirazzista, si aggiunge l’etnica pietanza. Condita con buonismo stridente e abbondante, contro “ la politica di un governo estremista che nega aiuto alle persone in mare e le priva del loro primo diritto, quello di esistere e muoversi liberamente“, così almeno dicono. La cena solidale, allestita in una zona appannaggio di centri sociali e  dai muri molesti (“Brucia  fascista, brucia!”) servirà anche “a presentare e sostenere il St.Ambroeus FC, una nuova squadra di calcio interamente composta da rifugiati e richiedenti asilo”: mai nome fu più “azzeccato”. Mai binomio, fu più infelice. Insomma, l’iniziativa da libro “Cuore”, snobbando a piè pari milanesi e italiani “digiuni e indigenti”, comincia a scaldare i fornelli: per bollire odio e livore, per accendere l’antifà motore. Ci manca, lo Chef Rubio di un tempo. E allora, un consiglio per te Gabriele: lascia il “cous cous antifà” e torna a cucinare “la mejo porchetta che ce sta”.
Chiara Soldani

5 Commenti

  1. Ma perchè si continua ad associare l’omicidio di Sacko al.suo essere nero e sindacalista e non al.fatto che stesse presumibilmente rubando? Non che nessuno.debba sparare ma non è stato un omicidio su base razzista. E basta con queste bugie. Forse stava rubando, sicuramente era all’interno di una proprietá, abbandonata e sotto.sequestro, ma comunque privata, e ha trovato un folle che gli ha sparato. Punto

  2. Solita slidarietà del , sono certo che riusciranno anche a versare qualche lacrima per una difficile digestione! Dovrebbero ricordare anche i tanti nostri fratelli assassinati in quelle terre da cui provengono questi tanti . da considerare anche dei vigliacchi, visto che abbandonano la loro terra!

Commenta