Il Primato Nazionale mensile in edicola

pdcwhLondra, 29 mar – Boylen Ground. Sulle note di “Forever blowing bubbles” e davanti a 35.036 supporter nella giornata di lunedì si è celebrato l’addio, da parte del West Ham, allo stadio di Upton Park festeggiando la giornata dell’orgoglio Hammers e i quindici anni in maglia vinaccia ed azzurra per il 28enne Mark Noble, capitano e trascinatore degli Irons.

In campo sono scesi i protagonisti assoluti dalla storia del club londinese da Rio Ferdinand a Dean Ashton passando per Teddy Sherigham fino ad arrivare a Paolo Di Canio. Proprio il romano, 48 anni a luglio, ha deliziato gli occhi dei suoi ex tifosi con una corsa palla al piede di 30 metri, dribblando tre avversari per depositare la sfera in rete con un chirurgico diagonale di destro.

Il match è terminato 6-5 in favore dell’attuale West Ham, anche se le squadre si sono mischiate, regalando momenti di pura intensità per i tifosi accorsi allo stadio. Due episodi su tutti. Il primo la marcatura in coast to coast del portiere Adrian – l’attuale numero 1 degli Hammers aveva segnato lo scorso anno all’Everton il rigore decisivo nella gara di replay di FA Cup – che dopo aver parato una conclusione degli avversari ha portato a spasso la difesa rivale segnando dopo una folle corsa di 80 metri. Infine la spettacolare rovesciata di Ashton, centravanti che a soli 26 anni ha dovuto interrompere la sua carriera per via dei ripetuti infortuni che lo hanno colpito.

Lorenzo Cafarchio

1 commento

  1. Non seguo più il calcio da anni ma per un Di Caino ci vuole un bel complimento è qualcosa di più ….