Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 2 sett – I talebani fanno sapere che a breve riprenderanno le esecuzioni per i reati di lieve entità, come i furti. Quindi si alle punizioni corporali, ma solo dopo un processo e non in pubblico.



Talebani “democratici”: “Forse”

Nooruddin Turabi, funzionario dei talebani e uno dei fondatori del gruppo degli “studenti di religione”, ha annunciato che a breve in Afghanistan riprenderanno esecuzioni e amputazioni delle mani per i ladri. Ma forse non in pubblico: “È necessario per la sicurezza”, dice “anche se le esecuzioni delle condanne probabilmente non verranno tenute in pubblico, negli stadi o nelle piazze”.

“Tutti ci criticano per le punizioni”

Il portavoce dei talebani, che a sua volta ha un solo occhio e una sola gamba, non comprende l’indignazione occidentale per ciò che contempla la sharia: “Tutti ci hanno criticato per le punizioni allo stadio, ma non abbiamo mai detto nulla sulle loro leggi e sulle loro punizioni. Nessuno ci dirà quali dovranno essere le nostre leggi. Seguiremo l’Islam e costruiremo le nostre leggi sul Corano” dice all’Associated Press.

La gogna pubblica per i ladri

“Per esempio, se uno ruba una macchina o un ammontare di denaro importante, lo arrestiamo e gli verrà tagliata la mano. Ma mentre per i furti lievi la punizione viene comminata direttamente sul posto dagli agenti o dai soldati che hanno acciuffato il ladro” – spiega al quotidiano Qahri Abdul Basit Farooqi, comandante della guarnigione talebana di guardia al palazzo dell’ex signore della guerra, il generale Dostum “per quelli più gravi la decisione spetta alle corti islamiche. Ne abbiamo tre, e solo alla fine del processo può essere deciso il taglio della mano: verrà eseguito in pubblico, allo stadio, davanti a tutti, pubblicizzandolo prima in modo che tutti possano vedere cosa succede ai ladri”.

Ilaria Paoletti



La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Resta comunque che il talebano pesantemente avvisato è mezzo salvato contro la nostrana legge che non ammette ignoranza (del suddito s’ intende). Paradossale…, come popolo mi paiono meno a rischio di ignoranza!

  2. La maggior parte dei paesi occidentali hanno rapporti commericiali, di amicizia, con la Cina che in termini di “pena di morte” per reati anche non estremi(vedere alcuni reati per i quali in Italia non si va neanche in galera e che lì sono stati puniti, in tempi non così lontani, con la pena capitale) oltre a numeri piuttosto alti di esecuzioni durante periodi nei quali avevano rapporti. Comunque c’è anche un segreto di stato e sapere il numero totale non è facile. Per non parlare dell’inchiesta su donazioni di organi, persone giustiziate.. ma per ora mi fermo qua.
    Abbiamo gente che vorrebbe trasformare l’Italia in una dittatura orientale per il Covid.. e parla di Bazooka e lanciafiamme. (è una provocazione, non serve fare nomi).
    L’Italia vuole copiare il Turkmenistan su una legge che esiste solo in 3 paesi al mondo per l’obbligo di un siero sperimentale…
    In quanto a casi di tortura rilevati Guantanàmo, struttura detentiva statunitense, per esempio, non è certamente un posto “che ci è andato leggèro”.
    Senza voler fare paragoni fra paesi sono solo esempi..
    Riguardo alla gogna pubblica per i ladri.. (in senso lato escludendo il taglio della mano magari) come idea non sarebbe male in Italia.. anche per certi politici che rubano e affamano il popolo (è una provocazione).
    Ad esempio quelli che rubano lo stipendio agli italiani chiedendo addirittura che il costo del tampone, in un green pass legato al lavoro, sia ancora aumentato! Penso che chiunque ricordi chi lo ha detto.. se non è un furto questo… Soprattutto se rivolto a gente che ha stipendi medio-bassi.. mentre loro nuotano nei soldi.
    P.s: è il mio parere.

Commenta