Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 dic – Non solo non sentiremo più parlare, almeno per questa legislatura, di ius soli. Legge non discussa dal Senato e di conseguenza morta e sepolta. Neppure la legge Fiano, altra trovata geniale di questo governo, è stata affondata. Certo non è inverosimile che il prossimo governo, se ancora il Pd ne farà parte in qualche modo, possa proporre di nuovo questo ddl. Intanto però, con lo scioglimento delle Camere a cui ha provveduto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, anche il decreto legge ideato dal responsabile nazionale del Pd non verrà discusso in Senato.



Una legge liberticida e iconoclasta di cui non sentiremo ovviamente la mancanza, che a differenza dello ius soli oltretutto era del tutto inutile se non per un po’ di propaganda antifascista dell’ultima ora. Tanto clamore per nulla quindi, giusto per sproloquiare su qualcosa evitando di affrontare questioni ben più importanti e soprattutto serie. Scioperi della fame, piazzate contro il fascismo, caccia alle streghe ed evocazioni di fantasmi. Poi alla fine il delirio giunge al capolinea, senza neppure un confronto parlamentare definitivo. Restano soltanto le note di un soave requiem.

Black Brain

Eugenio Palazzini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

10 Commenti

  1. Proprio ora che mi sto preparando la cena vedo il volto di fiano sul mio amatissimo Primato Nazionale……ringraziate il mio sconfinato amore nei vostri confronti altrimenti…… Mi sovvengono amari ricordi…..fiano colui che odia italiani e poliziotti, ovvero quegli italiani e quei poliziotti che ancora si sbattono per fare il proprio dovere…… fiano colui che è stato punto dalla vipera della democrazia e voleva una legge per mettere il bavaglio a quelli di estrema destra……fiano colui che voleva lo ius soli per mandare gli italiani al confine e mettere nelle loro case gli immigrati africani ……fiano colui che spernacchiava i poveri sudditi italici che alle 2 di notte uccidevano un ladro bastardo in casa loro ed oltre al comportamento offensivo delle istituzioni si dovevano appunto sorbire le invettive del prode piddino che li ammoniva per la troppa violenza….. fiano fatti un giro nel paese così almeno vedi come avete ridotto l’Italia, una fogna a cielo aperto.

  2. …è davvero strano perchè questo On.Fieno dovrebbe avere almeno una sessantina d’anni dalle
    foto,quindi dovrebbe ben ricordare -giusto a titolo di esempio- che anche senza la sua legge anti-santini,nel 1975 a Padova tre DICIOTTENNI aderenti al Fronte della Gioventù furono condannati a 3-4 anni di carcere per tentata ricostituzione del Partito Fascista (a 18 anni di età…tra una interrogazione al liceo ed un’altra);

    di quell’episodio rimane una suggestiva canzone de “La Compagnia dell’Anello” (a Piero) di cui mi permetterete ricordare solo qualche parola non come apologia di alcunchè, ma come condanna morale
    di coloro i quali perdono il buon senso,ora come allora;
    quando il terrorismo che uccide sul serio si chiama islamista,mettersi alla caccia di “santini del Duce” è caso clinico,prima che politico:

    “E firma quel verbale e conferma tutto:
    Dì che sei fascista nero come il lutto
    E dì che sei fascista nero come il lutto!»
    «No, signor togato, io non firmo niente!»
    Fu la sua risposta al tono prepotente
    «Decine di fratelli mi hanno preceduto
    Io mi chiamo Piero, per il resto sono muto”

Commenta