Roma, 4 ott – Alla fine don Giulio Mignani, il parroco pro Lgbt, è stato sospeso. La diocesi di La Spezia ha preso la decisione definitiva, come riportato da Tgcom24.

Liguria, sospeso il parroco pro Lgbt

Era diventato noto in seguito alla famosa intervista trasmessa sulla rete Italia 1, durante il programma Le Iene, in cui si era espresso chiaramente a favore dei matrimoni e delle adozioni da parte delle coppie omosessuali. Ieri, dopo un periodo piuttosto lungo di continue polemiche tra la curia locale e il sacerdote, è arrivata la decisione della diocesi locale: don Mignani, il parroco pro Lgbt, sarà sospeso dalla celebrazione pubblica dei sacramenti. Il decreto viene notificato con un testo in cui si legge che Don Giulio “nel corso degli anni più volte ha rilasciato esternazioni pubbliche, apparse anche su vari quotidiani e interviste televisive, nelle quali ha ripetutamente sostenuto posizioni non conformi all’insegnamento della Chiesa”. L’uomo, che esercitava a Bonassola, ha giocato la carta del vittimismo: “Mai offensivo né in polemica, solo desiderio di cambiamento”.

Aveva sostenuto anche l’eutanasia

Il parrocco pro Lgbt si era espresso anche a favore dell’eutanasia, come riportato anche su Città della Spezia. “La vita è sacra, ma occorre una legge per coloro che soffrono senza via d’uscita”, aveva detto, aprendo di fatto la strada a una possibilità che il credo cattolico ritiene praticamente impossibile, in quanto soggetto – oltre all’incapacità di prevedere il futuro imperscrutabile – anche alla superiore volontà del divino e non certamente a quella dell’uomo.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Alberto Celetti perché scrivi vittima? Forse dovresti imparare l’italiano. Se avesse accusato la curia di perseguitarlo o di avercela ingiustamente con lui avrebbe avuto senso il tuo commento, ma dato che ha semplicemente detto cosa stava facendo, il vittimismo non c’entra nulla!

Commenta