Il Primato Nazionale mensile in edicola

rugbyRoma, 20 set- E’ accaduto quello che un po’ tutti si aspettavano, il Presidente Gavazzi è stato riconfermato al timone della Federazione Italiana Rugby. Un’ elezione che però non è avvenuta certo in un clima sereno, molte le polemiche e i malumori, le parole più pesanti, non a caso, sono uscite fuori proprio dalla bocca del neoeletto alla presidenza: “Non sono entusiasta di come sono andate le cose – ha dichiarato Gavazzi – perché pensavo sinceramente a una percentuale per lo meno del 60%. Posso anche capire che il bilancio e le posizioni che ho dovuto prendere hanno inciso su questa situazione. Dobbiamo lavorare assieme, dobbiamo fare squadra e non penso che questo atteggiamento di contrasto continuo faccia bene al rugby. Devo andare avanti nella continuità ma sicuramente, a differenza dei primi 4 anni, per il bilancio 2017 dovrò ridimensionare, in modo tale da fare il prima possibile la ricomposizione del capitale”.



Un inizio del nuovo mandato fatto di delusione ma anche di voglia di continuare a lottare per un progetto che negli anni è riuscito a donare allo sport italiano molte soddisfazioni, ma che allo stesso tempo è stato ostacolato da ombre che hanno generato dubbi e incertezze. Alfredo Gavazzi è una figura di lotta e di governo, difficile da contrariare e molto sensibile alle critiche. Egli crede fermamente nella sua ricetta, vuole continuare su questa strada, senza se e senza ma. Intanto l’opposta fazione ha reagito immediatamente alle dichiarazioni del Presidente e dal sito di Pronti al Cambiamento Marzio Innocenti si è fatto sentire, ecco le sue parole: “Ho letto con sgomento le dichiarazioni del signor Gavazzi riportate dall’Ansa in sede di conferenza stampa a seguito della sua rielezione. Come sempre la sua capacità di rovesciare la realtà, la stessa cui deve buona parte del suo risultato odierno, non conosce purtroppo il limite della decenza: come può permettersi di parlare del lavoro del nostro gruppo e della preferenza democraticamente espressa dai tanti che hanno voluto riporre la loro fiducia nella nostra proposta dipingendola come un insieme di “bugie e nefandezze”? Come può continuare a riempirsi la bocca di concetti altissimi come “valori” e “fair-play”, declinandoli in chiave negativa riferendosi a ciò che egli definisce come “questa gente che non sa nemmeno quanto male ha fatto al rugby italiano facendolo scadere di immagine?? In molti presenti in sala sanno benissimo come sono state vinte dal sig. Gavazzi le elezioni di quest’oggi, applicando cioè alla lettera proprio molte di quelle metodologie vessatorie e ricattatorie che egli intende attribuire al nostro gruppo, un gruppo che mi impegnerò a difendere fino alla fine per il suo spessore morale complessivo prima ancora che per il livello delle competenze e delle capacità delle persone che lo compongono. Pronti al Cambiamento non intende accettare questo atteggiamento e queste illazioni cariche di disprezzo e di violenza da parte di colui il quale dovrebbe per ruolo rappresentare TUTTO il movimento, in assoluto spregio di un lavoro appassionato, qualitativo e impeccabilmente onesto sotto ogni punto di vista. Il rugby italiano ha deciso nella sua maggioranza di riporre per altri quattro anni il proprio destino nelle mani di Alfredo Gavazzi: evidentemente non ha compreso fino in fondo l’occasione che gli si presentava per cambiare davvero le cose. Il programma di Pronti al Cambiamento dovrà perciò d’ora in poi essere continuamente confrontato con quanto accadrà nella nuova gestione, rendendo così palese quanto sarebbe stata la migliore cura per il malato grave che ora temiamo non potrà che aggravarsi ulteriormente, ma che di sicuro non intendiamo abbandonare a se stesso”.

Black Brain

Mauro Pecchia

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta