Sanremo, 10 gen – E’ arrivato anche Claudio Bisio a dare manforte a Baglioni. Dopo il sardonico “canta che ti passa” pronunciato da Salvini – in risposta al cantante che aveva criticato le politiche migratorie di questo governo definendo la situazione “disastrosa” – anche l’attore e comico milanese ha sentito l’irrefrenabile bisogno di pronunciarsi, seppur indirettamente, a favore dell’accoglienza.

Durante la conferenza stampa della trasmissione Italia’s got talent ha annunciato ai microfoni dell’inviato de Il Giornale che il suo monologo sarà tutto imperniato sul tema dell’ accoglienza (“sapete come la penso”, ha dichiarato) e sulle prossime elezioni. Il testo dell’intervento è stato scritto a quattro mani con Michele Serra: già si capisce quindi a chi strizzeranno l’occhio le “velate” indicazioni di voto del comico. “Se volete saperne di più, andatevi a vedere il mio intervento a Sanremo del 2013 e capirete”.

La comparsata del comico milanese sul palco dell’Ariston, andata in onda 6 anni fa, aveva raccolto più di una critica (e svariate contestazioni dai presenti che lo avevano sonoramente fischiato): la sua verve comica da una decina d’anni a questa parte si avvia  tristemente sul viale del tramonto, per cui Bisio preferisce riciclarsi in filmetti insipidi e con moralette sinistrorse e darci letture morali condite da battute ripescate in monologhi del ‘93.

Cristina Gauri 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Sappiamo come la pensa, d’accordo… E con questo!? Il suo cachet é pagato anche con i nostri soldi, e dovrebbe essergli imposto di rispettare tutti. Si limitasse a far ridere (se ne é capace), senza affrontare temi che possano irritare chi non pa pensa come lui.
    Semplice, no?
    Guadagnano milioni sulle nostre spalle e ci fanno costantemente la morale… Io mi chiedo quanto tempo ancora dovrà passare ancora prima che gli italiani inizino ad arrabbiarsi DAVVERO con questi servi del pensiero unico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here