Il Primato Nazionale mensile in edicola

Vicenza, 15 mar – Da Giovinezza a Faccetta Nera, un’anziana signora di Vicenza insegnava gli inni del fascismo ai bimbi del proprio condominio. Adua Rosa, 76enne, appassionata di canzoni del ventennio, stando a quanto riportato da il Giornale di Vicenza è stata denunciata da alcuni vicini per “atti persecutori”.
Tre famiglie del condominio infatti hanno pensato bene di accusare di stalking un’anziana, perché secondo loro avrebbe assunto atteggiamenti sgradevoli, non solo per via degli inni fascisti. Secondo gli autori della denuncia infatti la signora avrebbe fatto dei dispetti e ripetutamente insultato chi non teneva in ordine la palazzina. Ovvero si arrabbiava con chi sporcava, faceva rumore, parcheggiava davanti al suo garage e gli sbatteva i tappeti sul terrazzo.
Quello che però probabilmente infastidiva maggiormente i vicini della signora Rosa erano appunto gli inni che avrebbe cercato di insegnare ai bambini del palazzo. In particolare le due storiche canzoni del ventennio “Faccetta nera” e “Giovinezza”. La procura della Repubblica ha avviato un’indagine per verificare la fondatezza delle accuse formulate a carico della pensionata e i vicini confidano addirittura nel suo allontanamento coatto.

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. Vogliono adesso anche vietare le canzoni che una donna sentiva da bambina in un paese che era sovrano ed in cui gli stranieri non avevano alcuna voce in capitolo.Quello che sono riusciti a fare i conquistatori è di rendere le persone addirittura complici nel sopprimere ogni anelito patriottico in chi non è caduto nella trappola della finta “liberazione”

Commenta