Scopriamo insieme il resto delle partite della Serie B giocate in questi ultimi giorni. Soltanto un pareggio e tutto il resto vincente, ma vediamo quali sono quelle squadre che cantano vittoria.

I risultati 

Per avere tutti gli aggiornamenti sulle competizioni sportive e le offerte dei bookmakers si può andare a cliccare su Poker TV, dove troverai ricchi premi, consigli sui pronostici e vantaggiose promozioni. Tutte sfide che portano a casa una vincita, l’unica a pareggiare è la partita Brescia-Venezia. Il Genoa riesce a sconfiggere la Ternana con una bellissima  doppietta di Massimo Coda, mentre il Frosinone che è già capolista sale a 21 punti. La Reggina viene sconfitta dal Perugia e arriva al quarto k.o e la squadra della Spal che uccide in pieno i calabresi con un bel 5-0. Per il Benevento è la seconda partita che perde quella contro il Como mentre il Sudtirol vince contro il Parma. Delle sfide molto emozionanti l’unca pecca è per il Venezia che ancora non riesce a vincere da mesi.

La partita Como-Benevento

Per sapere cosa ha riservato l’urna di Nyon per le italiane d’Europa, si può andare a leggere tutte le informazioni su questo link. In questa sfida non si fa in tempo a partire che subito il Como è accattivante dove Alberto Cerri cogliendo l’occasione dell’errore di Maxime Leverbe, mette il primo gol in rete. Pochi minuti di gioco in campo, ma all’8’ il difensore avversario del Como manda la palla sull’ angolo di Camillo Ciano, mettendo un bel gol con un colpo di testa. Si va al pareggio, ma ancora il calciatore Alberto Cerri ci riprova, e si va a 2-1 con un colpo d testa su assist del gocatore Moutir Chajia. n campo ci sono solo minuti di gioco che si avvicinano alla fine della partita tra Benevento e Como, i campani ci provano ma non ce la fanno e vengono sconfitti, la sfida è destinata a finire 2-1.

La partita Sudtrol-Parma

La partita inzia con molto ritmo ma per circa mezz’ora non si fa altro che vedere passaggi di palla e lotta tra le due squadre, poi arriva Nicolussi Caviglia che sblocca tutto con un calcio fenomenale che va a finire diretto in rete. Gli avversari comunciano ad attaccare e tentano di raggiungere il pareggio, dunque ci prova Franco Vazquez con un bel colpo di testa ma il pallone viene parato facilmente dal difensore. Un primo tempo consumato freneticamente dove la Sudtirol annienta il Parma. Al secondo tempo l’italo-argentino ci prova ancora a su punizione ma il calcio alla palla del calciatore va a finire prima sul palo e poi di traverso. In seguito il giocatore Jayden Oosterwolde si prende il secondocartellino giallo dopo aver commesso un fallo su Nicolussi Caviglia. Si arriva al finale della sfida e per la Sudtirol è vittoria e la partita finisce con 1-0.

La partita Brescia-Venezia

Una sfida che inizia in modo molto equilibrato, qualche minuto di gioco in campo e i calciatori Francesco Zampano, Ridgeciano Haps e Joel Pohnjanpalo tentano di andare già in vantaggio, ma non si conclude nulla. Si vede arrivare il giocatore Emanuele Ndoj che riesce a prendere la palla da Florian Ayé e con un bel tiro porta in vantaggio il Brescia. I veneziani subito accaniti, cercano di pareggiare almeno nel secondo tempo della partita con Joel Pohnjanpalo , ma prima ci prova con un colpo di testa ed in seguito con un bel calcio che però non riesce a mettere in rete la palla. Mancano pochi minuti alla fine della sfida ed ecco che arriva il giocatore sloveno Domen Crnigoj, che con un bel destro mette rete all’angolino. La partita tra il Brescia ed il venezia finisce con 1-1.

La partita Reggina-Perugia

La Reggina senza perdere tempo, inizia questa sfida con ritmo ed energia, ma parte a razzo il calciatore Federico Melchiorri che domina la palla, poi Luca Strizzolo ma la punta marchigiana mette in rete il gol. La squadra della Reggina così cerca il pareggio, ci provano siano Jeremy Menez che Mauro Majer , ma gli ospiti si presentano molto pericolosi con il giocatore Paolo Bartolomei. Qualche minuto di gioco e ci riprova  ancora Luca Strizzolo ma all’improvviso arriva un calcio di traverso da parte di Hernani che però va a finire su punizione. La sfida si fa difficoltosa e subito c’è il fallo in area di Thiago Cionek su Federico Melchiorri, ed è calcio di rigore, dunque 2-0 per la punta. Qualche minuto ancora di gioco e arriva un finale eccezionale, dove gli amaranto arrivano a raggiungere 2-3 con il calciatore Giovanni Fabbian. La partita finisce con 2-3 con la vittoria del Perugia, ma la Reggina si trova al 4 posto in classifica.

La partita Ternana-Genoa

È una partita che inizia già con tante occasioni dove subito parte il giocatore Mattia Aramu che tenta di fare un gol ma il difensore para bene la palla. Nel frattempo, Anthony Partipilo cerca di mettere il bastone tra le ruote sulla destra, alla difesa avversaria ma non si conclude nulla. Poi si nota di nuovo Mattia Aramu che serve la palla di tacco a Massimo Coda che ci prova ma non c’è nessuna rete. Il vantaggio della squadra della Ternana, con Anthony Partipilo ma in seguito l’arbitro annulla il gol  per fuorigioco e prima dell’intervallo trovano la rete. Ancora qualche minuto e Modibo Diakité cerca di passare la palla a Francesco Cassata, dove Andrea Favilli colpisce di testa ed è gol. Nell’azione successiva Iannarilli atterra Massimo Coda che comunque non sbaglia e pareggia. Ma ci riprova Massimo Coda che batte di nuovo il portiere. La partita finisce così con 1-2 per il Genoa.

La partita Frosinone-Bari

La partita inizia con molto ritmo, spezza il ghiaccio Fabio Lucioni, ma intanto Giacomo Bellomo si becca il cartellino rosso. Il Bari comunque s rende abbastanza  pericoloso sia con  con un’azione di Walid Cheddira che con Michael Folorunsho, ma il tiro di Walid finisce per perdersi al lato. Poi al secondo tempo, arriva Elia Caprile sul calcio preso da Gianluca Frabotta. Ma verso il finale, arriva il gol con un cross del centrocampista Gennaro Borrelli che con un colpo di testa mette la palla in rete, e finisce 1-0 con la vittoria del Frosinone. 

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta