Milano, 5 ott — La «giustizia del carcere» si è già messa in moto per Alessia Pifferi, la 36enne rinchiusa a San Vittore (Milano) accusata di omicidio volontario per aver lasciato morire di stenti la bimba Diana: secondo quanto denunciato dalla sua legale, Solange Marchignoli, alcune detenute l’avrebbero picchiata selvaggiamente approfittando dell’unica volta in cui non si trovava in isolamento. «È successo una settimana fa dopo la prima udienza in tribunale. Alessia stava raggiungendo una suora quando è stata aggredita dalle altre detenute che le hanno tirato i capelli e schiaffeggiata. Questa donna ha molta paura di quanto le sta accadendo», ha riferito l’avvocato al Corriere.

Il Gip: “Alessia Pifferi era consapevole”

Ed è arrivata ieri la decisione del gip di Milano, Fabrizio Filice, di respingere la seconda istanza della difesa che chiedeva l’accesso di esperti in carcere per effettuare una consulenza neuroscientifica sulla donna. «Nessuna storia di disagio psichico nel suo passato, Alessia Pifferi si è sempre dimostrata consapevole» di cosa era successo alla figlia Diana, «orientata e adeguata», nonché «in grado di iniziare un percorso, nei colloqui psicologici periodici di monitoraggio, di narrazione ed elaborazione del proprio vissuto affettivo ed emotivo». I legali della difesa respingono questa versione, dubitando «della sua capacità di comprendere, di elaborare il pensiero. Per questo servono i consulenti neuroscientifici. In più vogliamo avere audio e video degli interrogatori perché qualcosa non torna. Da quei verbali emerge un linguaggio che Alessia Pifferi non è in grado di produrre».

Una storia agghiacciante

Alessia Pifferi aveva lasciato la bimba Diana, di soli 18 mesi, incustodita e priva di cure e assistenza per sette giorni, per poter raggiungere il proprio compagno, residente in provincia di Bergamo. La donna avrebbe abbandonato la piccola in un lettino da campeggio con un biberon di latte, dopo averle cambiato il pannolino. Diana era morta di fame e sete, sigillata in casa nel caldo torrido, in un’agonia durata la settimana dal 14 al 20 luglio. Dai racconti dell’accusata erano emersi altri particolari agghiaccianti: Diana era stata partorita in bagno dalla madre che non sapeva nemmeno di essere incinta fino a poco tempo prima del travaglio. Senza padre, era costretta a dormire nel passeggino.

Non era nemmeno stata battezzata: la madre aveva organizzato un festa per il suo battesimo, che non avvenne mai. Alessia Pifferi l’aveva utilizzata come pretesto per scroccare regali ad amici e conoscenti. La bimba era uno strumento per muovere a compassione parenti e vicini di casa.

Cristina Gauri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Normalmente, quando accadono questi fatti, sono indegni-infami che desiderano rifarsi una verginità contro altri infami-indegni. Uno schifo sullo schifo insomma.

Commenta