Roma, 5 ott – Google Translate e la Cina non avranno più nessun spazio in comune. La società americana ha dichiarato lo stop al servizio, come riportato dall’Agi.

Google Translate, servizio disabilitato in Cina

Google translate non fornirà più il servizio in Cina, secondo quanto comunica Alphabet, ovvero la società alla base del colosso americano. Il servizio di traduzione multilingue era uno dei pochi rimasti in piedi in quel di Pechino. Sulla pagina web cinese ora è visibile una foto con uno spazio per la ricerca che porta direttamente al sito di traduzione di Hong Kong. La comunicazione ufficiale è la seguente: “Abbiamo interrotto Google Translate nella Cina continentale a causa del basso utilizzo“. Nel frattempo il Partito comunista cinese si avvia a tenere il suo Congresso nazionale il 16 ottobre. Pechino aveva già bloccato i servizi di Google in concomitanza con eventi politici importanti. Il South China Morning Post ha riportato come Google Translate abbia ricevuto 53,5 milioni di visite, tra utenti desktop e Mobile, nel mese di agosto.

I rapporti difficili tra il colosso americano e Pechino

Google aveva iniziato a penetrare nel mercato cinese nel 2006, tramite il suo motore di ricerca, ma con una versione soggetta alla censura che non è durata molto. Nel 2010 il colosso statunitense lo aveva infatti chiuso, collegandolo dominio non contraffatto di Hong Kong. Andando avanti, Mountain View ha comunque provato a rimanere in piedi sul suolo cinese con il suo servizio di traduzione. Era stato anche pianificato un motore di ricerca specifico per il suolo cinese, nome in codice Dragonfly: altro progetto accantonato molto presto. Oltre a Google Translate, anche Maps e Gmail sono stati bloccati da Pechino. Ecco perché i concorrenti locali, come Baidu, dominano il settore del web cinese.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. hanno qualcosa di molto meglio,sicuramente:
    io uso abitualmente google traslate sul pc per leggere qualche pagina da siti stranieri,
    e WeChat sullo smartphone,per comunicare con l’estero…

    questa app cinese è poco conosciuta rispetto ad altre,
    però ti consente di fare la traduzione bidirezionale in automatico da qualsiasi lingua
    e viceversa:
    sotto ai messaggi compare immediatamente la traduzione nella lingua locale del terminale,senza fare tre o quattro copiaincolla entrando e uscendo dalla applicazione.

    e la qualità della traduzione è enormemente superiore a google traslate,
    al punto che ci si scorda che si sta usando ANCHE una interfaccia di traduzione sotto l’app di chat.

    quindi è evidente che la cina ha un programma di traduzione molto migliore:
    oppure,è evidente che google ha messo a disposizione gratuita un programma
    di pessima qualità:
    in entrambi i casi immagino che presto verranno buttati fuori dalle app di traduzione sui cellulari,e se la cina metterà a disposiziome lo stesso programma su un sito di traduzioni gratuite,ANCHE dalla traduzione sulla rete.

Commenta