Roma, 5 ott – Giuseppe Cruciani non le manda a dire a Rula Jebrael, che nei giorni scorsi pur di attaccare a sproposito Giorgia Meloni ha tirato fuori un orrendo tweet sul padre defunto del leader di FdI. Ospite di Fuori dal Coro, su Rete 4, il noto conduttore de La Zanzara ha smascherato la Jebrael e in generale i vari vip impegnati a sparare idiozie sull’avvento della dittatura: “Questi signori che avete sentito tuona Cruciani, con sullo sfondo una foto della Jebreal – protestano per i diritti che nessuno vuole togliere. Nessuno vuole togliere il diritto al divorzio, a essere omosessuali, nessuno vuole togliere il diritto all’aborto. Nessuno, mettetevelo in testa”.

Cruciani a gamba tesa contro Jebreal e vip anti Meloni

Poi, la voce de La Zanzara, punge a dovere: “Eppure questi signori mesi fa stavano zitti, erano muti quando a centinaia migliaia di persone venivano tolti i diritti fondamentali“. Chiaro il riferimento alle restrizioni imposte per via del Covid. “Non si poteva andare al ristorante, non si poteva salire sui mezzi pubblici, non si poteva fare nulla se non ti eri inoculato”. Poi Cruciani incappa sul paragone col fascismo, evitabile, ma tant’è: “Non voglio dire che quello era il vero fascismo, non fatemelo dire. Non c’erano diritti fondamentali per tante persone che venivano vessate e le stesse persone che avete sentito prima le maltrattavano! Maltrattavano chi non si voleva inoculare. Venivano emarginate e venivano sbeffeggiate dalle stesse persone che adesso invocano il fascismo. Di fronte a questa contraddizione dovrebbero andare di fronte allo specchio e dirsi: mi faccio schifo!”. Non si può chiedere a Cruciani di centrare tutto, resta però la notevole stilettata ai personaggi di cui sopra.

Alessandro Della Guglia

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta