Roma, 2 giu – Ormai da una settimana continua il blocco portato avanti dai pescatori italiani in molti porti delle nostre coste, questo a causa del caro gasolio, il cui prezzo è quasi raddoppiato in poche settimane, che li costringe a lavorare in perdita. Le conseguenze di questa situazione sono un problema per la sopravvivenza del settore, oltre che ormai da supermercati e ristoranti è quasi del tutto scomparso il pescato italiano

Blocchi in tutta Italia

In diversi porti italiani i proprietari delle imbarcazioni non solo da giorni non escono in mare ma in alcuni casi bloccano l’ingresso e l’uscita di altre imbarcazioni. Accade ad esempio a Manfredonia, sede di una delle marinerie più importanti d’Italia dove da giorni 200 pescherecci fanno da barriera davanti al porto. Ma intemperanze si sono registrate a Vasto dove è stato bloccato lo sbarco di alcuni camion frigo che portavano pesce surgelato dall’estero. L’attività è ferma da dieci giorni anche nelle Marche (dove diversi ristoranti hanno già tolto i piatti di pesce dai loro menu) ma anche a Napoli, a Santa Margherita Ligure, in Sicilia, sul litorale del Lazio. 

Le colpe del governo

Il gasolio per la navigazione è balzato a 1,20 euro al litro mentre lo scorso inverno costava tra i 70 e 80 centesimi e un anno fa addirittura 40. Con queste cifre, lamentano i pescatori, per un pieno si spendono fino a 4.000 euro: “Siamo arrabbiati e delusi – tuonano i pescatori – una categoria ridotta al fallimento a causa del prezzo elevato del gasolio e ancora nessuna risposta da parte del governo”. Come fronteggiare la concorrenza del prodotto proveniente dall’estero – ad esempio da Spagna, Grecia e Nordafrica – dove il carburante costa meno della metà? I vari provvedimenti intrapresi dal governo in questi mesi non aiutano sicuramente la situazione economica italiana, che sembra affossarsi sempre di più ogni giorno che passa, rendendo il nostro paese sempre più succube e dipendente da altre economie.

Andrea Grieco

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Buttate la rete dall’altra parte e aspettate.
    I pesci salteranno da soli nella barca tenuta ferma e ben ancorata.

Commenta