Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 1 giu — La tesi del «mercato di Wuhan», secondo cui il coronavirus sarebbe stato trasmesso dagli animali agli uomini fa acqua da tutte le parti: lo sostiene il virologo Massimo Clementi, direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia dell’ospedale San Raffaele di Milano.



Clementi: il virus non ha origine zoonotica

Lo scienziato espone i propri dubbi in merito all’origine zoonotica del virus cinese. «E’ successo qualcosa che non doveva accadere». Il riferimento a una possibile fuga del virus è chiaro. «Ed è successo non perché un virus, come il Sars nel 2003, è passato attraverso il mercato alimentare cinese e attraverso vari animali ha infettato l’uomo» dice ai microfoni di L’imprenditore e gli altri su Cusano Italia Tv. «Il Sars-CoV-2 — spiega Clementi — ha una diffusività enorme, ma una mortalità relativamente bassa e questo ha generato dei dubbi e delle perplessità» sull’origine «naturale» della pandemia.

Non è il solo a pensarla così

Le dichiarazioni di Clementi vanno ad aggiungersi alle moltissime altre — tutte autorevoli — che nelle ultime settimane si sono espresse sull’origine del virus: la tesi del coronavirus nato in laboratorio, fino a poco tempo fa ferocemente censurata e dichiarata eretica, è ora sostenuta da un numero crescente di scienziati.

La ricerca che inchioda i cinesi

Tra di essi figurano il «guru pandemico» Anthony Fauci, e i due scienziati firmatari di una ricerca pubblicata sul Quarterly Review of Biophysics Discovery: si tratta dell’oncologo britannico Angus Dalgleish e il virologo norvegese Birger Sørensen. A quanto sostiene lo studio, gli scienziati cinesi avrebbero «creato» il Covid partendo da un virus prelevato in una grotta con pipistrelli, ottenendo una nuova proteina spike che lo ha tramutato nel Sars-Cov-2, il responsabile della pandemia. Secondo i due scienziati, il Covid non ha «antenati naturali credibili». Tesi sostenuta dallo stesso Clementi.

Per i due ricercatori, gli scienziati cinesi avrebbero poi «distrutto, nascosto e contaminato in modo deliberato i dati» nei laboratori cinesi nonché gli appunti, per «impedire agli scienziati che volevano condividere le loro scoperte di farlo». Secondo il Daily Mail, la ricerca è stata respinta da diverse altre riviste scientifiche di primo piano prima di essere pubblicata dal Quarterly.

Cristina Gauri

 

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteMonopattini, da oggi a Genova casco obbligatorio e limiti di velocità
Articolo successivoCosì il sole uccide il Covid: ecco lo studio italiano che lo dimostra
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

1 commento

  1. Dove domina l’ ateismo non si fanno troppi scrupoli a mascherare le porcate, non è una novità.

Commenta