Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 11 mar – La cosiddetta zona rossa, o “protetta” come l’ha definita il premier Conte, non dovrebbe ammettere falle. E’ come un natante a cui è stato tappato un pericoloso buco che rischiava di fargli imbarcare acqua: basta un nuovo piccolo foro per farlo affondare. Così dalla zona rossa, che adesso non è altro che tutta la nostra nazione, non si può uscire se non per motivi particolarissimi. Molte persone però sono relegate in una surreale e per certi aspetti decisamente problematica altra “zona rossa”. Parliamo delle migliaia di italiani che in questo momento si trovano all’estero e che dovrebbero, o meglio vorrebbero, tornare a casa.



Italiani bloccati all’estero: ecco perché

Non tutti, ma buona parte di loro in questo momento sono bloccati altrove. Il motivo è presto detto: voli cancellati e frontiere chiuse non gli permettono di salire su un aereo per rientrare in Italia. E’ il caso ad esempio delle centinaia di persone costrette a restare, per il momento, in Spagna. In poche ore diverse compagnie aeree hanno infatti deciso di eliminare di colpo tutti i collegamenti con i nostri aeroporti. Ma altrettanti italiani non riescono a prendere un volo neppure dal Marocco o dalla Russia. E così non gli resta che attendere, soldi permettendo, o cambiare tragitto tentando magari di effettuare scali in altre nazioni. Oppure di raggiungere l’Italia via terra con auto, treni o altrimenti autobus della speranza.

Black Brain

Anche in questi casi però i problemi non mancano, considerato che Austria e Slovenia hanno chiuso le frontiere con l’Italia. In particolare la decisione più pesante è senza dubbio quella del governo di Vienna, che ha chiuso il Brennero ai treni passeggeri (quelli merci possono proseguire ma soltanto dopo il cambio del locomotore). Il virus è arrivato in tutte le nazioni dell’Unione europea e i casi aumentano ogni giorno, con una velocità a dir poco allarmante. L’Europa sta chiudendo l’Italia nella zona rossa, ma rischia di diventare un’unica zona rossa.

Eugenio Palazzini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta