Il Primato Nazionale mensile in edicola

11163428_950089225034152_1821890532865395410_oRoma, 28 giu – “Quel Galli lo lascio senza denti per tutta la vita…che passi anche fino a 90 anni…quel Galli deve veramente augurarsi che io sia all’ospedale il più a lungo possibile…perché quando esco lui ha finito di vivere…lui non si rende conto…”.

Così Emilio Visigalli, attivista del centro sociale Dordoni, meditava vendetta (in un’intercettazione ambientale del 3 marzo scorso) contro il responsabile cremonese di CasaPound Italia, Gianluca Galli, che lo stesso Visigalli aveva aggredito qualche settimana prima, insieme a un drappello di compagni, riportando però la peggio.

A vendicarsi contro Galli deve averci pensato anche qualcun altro, almeno a giudicare dall’attentato incendiario che nella notte ha visto andare distrutta tra le fiamme l’auto del responsabile di CasaPound, che proprio venerdì scorso era uscito dai domiciliari.

Ancora ignoti gli autori del gesto e le loro motivazioni, ma certo è davvero difficile ipotizzare che l’intimidazione non sia da 10835058_950089231700818_4310478245821563133_oinquadrare nel clima da guerra civile che l’antifascismo militante cremonese ha creato attorno alla sede locale di CasaPound e ai suoi responsabili.

Colpire un avversario politico nel momento in cui questi ha appena ritrovato la libertà significa voler lanciare un messaggio ben preciso di non agibilità, non solo politica, ma anche personale.

Messaggio da recapitare nella notte, vista l’impossibilità di farlo nelle sedi della politica istituzionale (in cui sembrerebbe che l’antifascismo militante abbia perso ogni credibilità a forza di bugie e devastazioni) e il fallimento del tentativo “militare” (avventatamente tentato con esiti disastrosi).

Messaggio, tuttavia, rispedito al mittente dal presidente nazionale di CasaPound, Gianluca Iannone, che ha parlato di una “intimidazione ignobile, che colpisce tutto il movimento”. Il leader di Cpi ha espresso a Galli “la solidarietà e il sostegno di tutta la nostra comunità nazionale. Ancora una volta siamo di fronte a un atto gravissimo, che travalica qualsiasi logica politica e che colpisce le persone nella loro sfera privata. Ci è già successo e oggi, come nelle altre occasioni, ribadiamo che il nostro impegno non arretra di un millimetro”.

Giorgio Nigra

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta