Trapani, 14 gen – Nessuno tocchi le Ong, perdinci e pure perbacco. Abituati a vedere i traghetti dei clandestini agire in piena libertà, in grado di speronare i mezzi delle forze dell’ordine italiane e restare impuniti, di sbarcare sempre in Italia anche aspettando giorni e giorni (piuttosto che recarsi nello Stato di cui battono bandiera in un tempo sicuramente minore di viaggio), sorprende il fermo amministrativo a cui è stata sottoposta nelle ultime ore la Ocean Viking, tristemente nota per il suo andirivieni tra la Libia e la Sicilia dal 2019, giunta a Trapani il 25 dicembre scorso.

Fermo Ocean Viking, cosa ha riscontrato la Guardia Costiera

“Diverse le irregolarità di natura tecnica riscontrate – dichiarano gli uomini della Guardia Costiera di Trapani – tali da compromettere la sicurezza degli equipaggi e delle persone recuperate a bordo nel corso del servizio di assistenza svolto. In particolare il malfunzionamento dell’alimentazione elettrica di bordo, essenziale in caso di un’emergenza in mare, e la presenza di liquidi infiammabili stoccati in locali della nave non idonei. Le deficienze riscontrate, alcune delle quali già rilevate in pregresse ispezioni – specifica la Guardia Costiera – hanno evidenziato un carente sistema di gestione della sicurezza a bordo. La nave è stata quindi sottoposta a fermo amministrativo fino alla rettifica delle irregolarità rilevate in sede ispettiva”.

La fitta rete delle Ong

La sicurezza capite? Ben 11 le ore impiegate per fare i controlli sulla nave e che hanno fatto storcere il naso ai traghettatori, indispettiti da cotanta attenzione, e preoccupati di non poter tornare a puntare la prua verso sud cosa che, siamo certi, non tarderà ad accadere. La Ocean Viking, battente bandiera norvegese, di fatto opera per la Ong francese Sos Méditerranée, e spesso in collaborazione con Medici senza frontiere, in una fitta di rete in cui le presenze di navi si incrementano sempre più e di fatto neutralizzano i provvedimenti come questo.

Per una che si ferma, dieci sono pronte a presidiare il Canale di Sicilia, o a svernare per mesi nei porti (turistici) di alcune città siciliane. Come la ResQ People, battente bandiera tedesca, che si trova a Siracusa, di fronte al Passeggio Aretusa nell’isola di Ortigia, dal 20 di novembre. Intanto a Lampedusa è stato sottoposto a fermo, nell’hotspot, un uomo guineano che avrebbe causato la morta di una giovane donna, nell’ambito dell’inchiesta condotta dalla Procura di Agrigento sul favoreggiamento all’immigrazione. E con la medesima accusa sono stati fermati tre egiziani nel contesto di uno degli sbarchi più grossi avvenuti nello scorso mese di dicembre.

Emanuela Volcan

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta