Il Primato Nazionale mensile in edicola

Alatri, 13 gen – “Va tutto molto bene”: ci troviamo ad Alatri, comune del frusinate, dove un nigeriano ha dato in escandescenze presso il locale pronto soccorso, aggredendo e spaventando gli altri pazienti e scagliandosi contro le forze dell’ordine.

Panico in sala d’attesa

Secondo quanto riferisce Il Giornale, è scattato all’improvviso un cittadino straniero nel pronto soccorso durante la notte del 12 gennaio; l’uomo sarebbe entrato senza nessuna necessità sanitaria presso il presidio ospedaliero e avrebbe iniziato a minacciare i presenti, sbraitando verso i pazienti in attesa all’interno della struttura ospedaliera San Benedetto. Non pago di ciò, il nigeriano si è poi introdotto all’interno del reparto, ove ha colpito con forza una porta chiusa di un ambulatorio, danneggiandola pesantemente.

L’intervento dei militari

A questo punto sono intervenute le forze dell’ordine, allertate dagli stessi sanitari. I carabinieri di Alatri hanno affrontato il comportamento irascibile del nigeriano che ha resistito all’arresto con calci e pugni nei confronti dei militari. Al termine della colluttazione, il nigeriano è stato immobilizzato e tradotto negli uffici del comando locale per le pratiche di identificazione ed incriminazione. Risulta essere senza fissa dimora, di nazionalità nigeriana. 

Arrestato

Attualmente è in stato di fermo, accusato dei reati di danneggiamento aggravato su edifici pubblici e di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. Una brutta nottata per chi si trovava ad attendere il proprio turno per un malore o un incidente, e anche per il personale medico che opera già in condizioni di urgenza.

Ilaria Paoletti

1 commento

Commenta