Il Primato Nazionale mensile in edicola

Sydney, 12 gen – Madalyn Davis, 21 anni, è rimasta ferita a morte a Diamond Bay, Sydney, la scorsa domenica. Gli equipaggi di emergenza sono stati allertati da un gruppo di persone che non sono riuscite a trovarla dopo averla vista intenta a scattarsi delle foto sul luogo.

I segnali di pericolo

Molti segnali avvertono a Diamond Bay i turisti di stare lontano dal bordo della scogliera;  il sindaco ha anche fatto sapere di aver alzato le recinzioni nella zona. Ma niente da fare. Madalyn, di Lincoln (Gran Bretagna), ha perso la vita proprio lì, alla ricerca del selfie perfetto. I servizi di emergenza sono stati chiamati non appena gli amici che erano con lei si sono accorti della sua scomparsa; il suo corpo è stato recuperato dall’acqua circa quattro ore dopo. In un tweet pubblicato sabato sera, la Marine Rescue New South Wales ha dichiarato: “I servizi di emergenza sono stati allertati dopo che un gruppo di persone che hanno scattato foto all’interno del recinto questa mattina si sono riuniti e non sono riusciti a trovare la donna”.

Madalyn, estetista “social”

Su Instagram, Facebook e YouTube, Madalyn pubblicizzava la sua attività di estetista specializzata in ciglia e aveva viaggiato in Thailandia e Bali prima di partire per l’Australia. Sembrava molto attenta alla sua immagine pubblica, un po’ come – forse – lo siamo diventati tutti sui social; purtroppo la fame di likes spinge molti (troppi) letteralmente a fare cose suicide, perché il divario tra la realtà e la finzione si è assottigliato e la necessità di un selfie perfetto ci distrae dalle cose più semplici – tipo far caso a dove mettiamo i piedi. Se ci astraeissimo un attimo dal presente, ci guardassimo un attimo “da fuori” capiremmo la situazione ridicola in cui ci precipita questa voglia di apparire.

Ilaria Paoletti

3 Commenti

  1. A parte che ancora non sono riuscito a comprendere il reale significato del moderno vocabolo ‘influenzatore’ e che non oso pensare l’esempio dato da soggetti (ed azioni) del genere a milioni di adolescenti implumi, il primo pensiero che mi e’ venuto in mente e’ stato: “Chi va per questi mari, questi pesci piglia”… il secondo e’ stato: “Credo proprio che l’eta’ e le esperienze vissute mi abbiano indurito il cuore”… il terzo e’ stato: “Per fortuna che non posseggo un ‘furbofono’ e che non mi sono mai iscritto a nessun ‘reticolo sociale’ “…
    Grazie per l’attenzione