Roma, 29 set – La compagna Laura Boldrini è triste. Le compagne femministe di “Non una di meno” non la volevano in piazza e l’hanno duramente contestata, urlandole di andarsene. Una scena per certi versi clamorosa, e obiettivamente tragicomica.

Leggi: Fermi tutti, siamo al top. Femministe contro Boldrini: “Vattene da questa piazza” (Video)

Femminista Boldrini vs femministe: “Non volevano dialogare…”

Ora però l’ex presidente della Camera si lamenta, perché in fondo, fino a quel momento, era stata “una bella manifestazione a cui hanno partecipato tante donne, tante associazioni e realtà molto diverse, c’era un buon clima”. Pensate un po’, “insieme a me c’erano anche altre rappresentanti del Pd, Monica Cirinnà, Cecilia D’Elia, Marta Bonafoni. E’ passata anche Debora Serracchiani, anche se io non l’ho vista”. Sarà per la prossima volta.

Peccato però che a un certo punto siano arrivate quelle scapestrate ragazze a criticarla. “Quasi alla fine della manifestazione – ha detto l’esponente del Pd all’Adnkronos – si sono avvicinate tre ragazze insieme a un gruppetto con i telefonini pronti per riprendere. Non volevano dialogare ma attaccare, cercavano il pretesto per fare lo show. Negano l’importanza di unire le forze tra chi è nelle istituzioni e chi è fuori, e questo è un limite enorme, soprattutto quando certi diritti vengono messi in discussione”.

“Pronta a parlarci di nuovo”

Ma “io non mi devo accreditare con nessuno, sono decenni che faccio battaglie per le donne, sia in parlamento che nei campi profughi di tanti paesi dall’Afghanistan all’Iran al Sudan, alla ex Jugoslavia”. Per questo “penso che sia un errore scagliarsi contro una persona che è sempre stata in prima linea per difendere i diritti delle donne”, si è lamentata la Boldrini. In ogni caso, l’impareggiabile paladina delle femministe, criticata dalle femministe nel nome del femminismo più femminista, è disposta a incontrare di nuovo quelle femministe. “Sarò felicissima di rincontrare queste ragazze e parlare con loro. Questa posizione, di considerare me e il Pd nemici, è completamente sballata. Noi difendiamo la legge 194”.

Alessandro Della Guglia

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta