Il Primato Nazionale mensile in edicola

Pistoia, 10 apr – Arriva direttamente dall’elemosiniere di Papa Francesco, il cardinale Konrad Krajewski, il bonifico di 20 mila euro destinato alla parrocchia di Vicofaro (Pistoia) gestita da don Biancalani. Entusiasti i commenti dello stesso parroco, che si dichiara felice di sentire la “vicinanza del Papa”, e della Diocesi di Pistoia, la quale sottolinea come la donazione papale “rientra nelle tante azioni di carità che la Santa Sede è solita compiere nei confronti di chi si rivolge ad essa per chiedere un qualche aiuto in ogni parte del mondo, viene ad aggiungersi all’impegno della chiesa locale e delle tante realtà che stanno sostenendo l’accoglienza dei fratelli migranti”.

Centro di accoglienza o luogo di culto?

A suscitare più di un interrogativo non è tanto il fatto che il Papa abbia deciso di finanziare una piccola parrocchia locale, né l’entità della somma non certo esorbitante, ma il perché sia stato scelto proprio Vicofaro, un posto ormai adibito a centro di accoglienza più che a luogo di culto. Tra pizzeria abusiva, ostello per migranti e scuola di ballo africana, il centro ha ormai perso ogni legame con i fedeli, che infatti lo hanno abbandonato in massa. Senza contare le proteste dei residenti, le frequenti violazioni di tutte le normative e gli arresti per spaccio di alcuni suoi ospiti. Niente a che fare quindi con la volontà di premiare una parrocchia di periferia, si tratta semplicemente del solito spot politico pro-immigrazione della Chiesa ‘bergogliana’.

Lorenzo Berti

La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. Mah ….. non avevano chiuso la “baracca” ?????

    Questo la dice lunga sull’ “ERESIA” del GESUITA Argentino !!!!

  2. D’altra parte se al sommo pontificio della Chiesa cattolica apostolica romana c’è un papa come Bergoglio, in una parrocchia periferica di.paese non può non esserci un parroco come quel panzone li! Che schifo, che degrado, la Chiesa cattolica è nemica della Nazione, è un centro di sovversione mondialista non meno pericolosa di Soros & C.

  3. I soliti catto (o cazzo)migrazionisti che si “dimenticano” l’esistenza di sempre più ITALIANI in estrema difficoltà..

  4. Gli stranieri se ne tornassero a casa loro ,cinesi chiudete i ristoranti che tanto non ci veniamo piu’. cinema e teatri idem chiusura per sempre.

Commenta