Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 29 nov – Regioni, si passa da rosso ad arancione per Lombardia, Piemonte e Calabria che vedono cambiato il proprio status epidemiologico fino al 3 dicembre, secondo quanto stabilito dal ministero della Salute con l’ordinanza firmata dal ministro Speranza. Mentre Puglia e Liguria adotteranno le regole previste per il passaggio al giallo. 



Regioni arancioni: poco da festeggiare

Nonostante i lievi allentamenti delle restrizioni anti-Covid i residenti delle regioni arancioni – e soprattutto gli esercenti – hanno ben poco da festeggiare. Restano infatti molte delle regole e dei divieti dello status precedente. «Non è iniziata la stagione del liberi tutti» ha specificato il governatore lombardo Attilio Fontana esortando i cittadini a «non abbassare la guardia» e a «comprare italiano, lombardo» sfruttando la riapertura dei negozi. Ma vediamo nel particolare cosa sarà consentito fare – e soprattutto cosa no.

Black Brain

Un mare di divieti, pochi allentamenti

Rimane il divieto di circolazione dalle ore 22 alle ore 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute. Saranno vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all’altra, salvo comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità. Stesso discorso per gli spostamenti da un Comune all’altro: proibiti salvo i soliti motivi che dovreanno essere autocertificati. Si raccomanda fortemente di evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata all’interno del proprio Comune.

I negozi saranno aperti, ma resteranno chiusi bar e ristoranti, 7 giorni su 7. L’asporto è consentito fino alle ore 22. Nessuna restrizione per la consegna a domicilio. Centri commerciali chiusi nei giorni festivi e prefestivi a eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno. Serrata per musei e mostre.

Il nodo didattica nelle Regioni passate all’arancione

Rimane la didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; prevista la didattica in presenza per scuole dell’infanzia, scuole elementari e scuole medie come regola generale. «Da lunedì i ragazzi delle medie frequenteranno la scuola in presenza» ha fatto sapere il governatore lombardo Attilio Fontana, discostandosi dalla decisione del presidente del Piemonte Alberto Cirio di mantenere la didattica a distanza per la seconda e terza media. «Vogliamo riaprire in sicurezza per non chiudere fra un mese» la sua motivazione. Chiuse le università, salvo alcune attività per le matricole e per i laboratori.

Il trasporto pubblico sarà ridotto del 50%, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico. Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie. Continua la serrata di piscine, palestre, teatri, cinema. Restano aperti i centri sportivi.

Le new entries gialle

Liguria e Sicilia, come detto, da oggi entrano in zona gialla.

Riaprono i ristoranti e bar fino alle 18, con asporto consentito fino alle 22. Nessuna restrizione per la consegna a domicilio. Chiusi i centri commerciali nei prefestivi e festivi a eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno. Chiuse mostre e musei.

E’ prevista la didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; didattica in presenza per scuole dell’infanzia, scuole elementari e scuole medie. Chiuse le università, salvo alcune attività per le matricole e per i laboratori. Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico. Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie. Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema. Restano aperti i centri sportivi. E’ possibile spostarsi nella Regione e anche da una Regione all’altra, purché gialla.

Cristina Gauri

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteLe 10 competenze trasversali che ogni dipendente dovrebbe sviluppare
Articolo successivoEcco la patrimoniale: Pd e Leu preparano il regalo di Natale
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

Commenta