Roma, 30 giu – Sulle linee della metropolitana capitolina (ma anche Milano si “difende” bene) sono ormai la prassi, anzi ci stupiremmo se non le vedessimo in azione: “squadre” di donne di etnia rom, solitamente in dolce attesa, che pattugliano, più o meno sfacciatamente, le stazioni più trafficate alla ricerca del malcapitato da spogliare dei propri averi. E anche se scatta il fermo, niente paura: di solito tutto si conclude con una denuncia a piede libero, proprio in virtù dello stato interessante delle nomadi. E le ladre in questione sono libere di ritornare alle loro occupazioni non appena escono dal commissariato.

Una intera gang composta da cinque donne tutte incinta, però, è davvero un fatto eclatante. Sono state intercettate ieri dai militari, in servizio anti borseggio, della stazione di San Lorenzo in Lucina, mentre cercavano di mettere a segno un colpo sul tram in transito in via Marmorata. La vittima, una donna anziana, non si è accorta subito di essere stata puntata e in seguito derubata del borsello con un’abile manovra di accerchiamento dalle cinque. La cosa, però, non è sfuggita ai carabinieri in borghese a bordo del convoglio, che sono intervenuti immediatamente fermando le malviventi. Si tratta di cinque donne giovanissime, tra i 19 e i 26 anni, tutte in stato interessante e provenienti dai vari campi della Capitale. Alle rom è toccato mollare la refurtiva, che è stata prontamente restituita all’anziana signora. Recuperato il maltolto, è scattata la denuncia per tutte e cinque, ovviamente a piede libero, in virtù delle loro cinque gravidanze. Subito pronte per borseggiare di nuovo.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteCoronavirus, oltre 190mila guariti in Italia. Prosegue il calo dei ricoverati
Articolo successivoTuta Alpinestars Atem V4 e le altre novità della collezione 2020
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

3 Commenti

  1. Metodi per punirle e farle smettere ce ne sarebbero, ma gli italioti (beoti) farebbero a gara a chi starnazza di più ed allora………………. teniamocele ma poi guai lamentarsi!

Commenta