Roma, 11 gen – Meno 1,6 e meno 2,6%. Sono i dati della produzione industriale di novembre, rispettivamente rispetto al ottobre e rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Numeri, quelli comunicati oggi dall’Istat, che segnalano una vistosa retromarcia della nostra economia.

A trainare gli indici al ribasso è soprattutto il settore dell’automobile, che registra un calo del 19,4% su base annua e dell’8,6% su base mensile. Fra gli altri dati negativi quelli del settore legno, carta e stampa (-10,4%) e dell’industria estrattiva (-9,7%). Valori positivi invece per l’industria alimentare (+2,7%) e farmaceutica (+1,3%). Aumenti che non riescono tuttavia ad invertire la rotta generale: a fronte di una moderata crescita per i beni di consumo si registrano infatti diminuzioni rilevanti per beni intermedi, energia e beni strumentali.

Se l’Istat parla di un “quadro di complessiva debolezza dei livelli di attività industriale nel corso del 2018″, con segnali di peggioramento anche su disoccupazione e fiducia, meglio non va negli altri Paesi europei. Dalla Germania alla Francia, passando per la Spagna, tutte le più grandi nazioni manifatturiere sono in difficoltà, con cali nella produzione industriale generalizzati e preoccupanti. Tanto da far presagire, come alcuni osservatori avevano pronosticato, un concreto rischio recessione per l’anno venturo.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here