Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 2 ott – Da ieri le bollette di luce e gas sono più pesanti, rispettivamente, del 30 e del 14%. Un incremento che poteva toccare i 40 punti percentuali, solo parzialmente compensato dalle misure del governo. Nel frattempo, da oggi sarà anche più oneroso per le tasche degli italiani fare il pieno alla macchina. Almeno per chi ha un’automobile a metano, il cui prezzo registra un considerevole balzo all’insù. Fin quasi, in certi casi, a raddoppiare rispetto solo a poche ore fa.



Il prezzo del metano raddoppia

Le segnalazioni arrivano un po’ da tutta Italia, raccolte dall’osservatorio carburanti del ministero dello Sviluppo Economico. Rimangono pochi i distributori presso i quali il listino rimane al di sotto di un euro. In alcuni si passa da 0,999 al kg a 1,4, in altri (specie in Toscana) il prezzo del metano è più che raddoppiato, superando i due euro. Con la conseguenza che fare il pieno, adesso, costa come (se non di più) del gasolio.

Una vera e propria stangata non solo per i privati cittadini, ma anche per le imprese del comparto della logistica. Sono molti, infatti, gli autotrasportatori che avevano convertito i propri furgoni o camion al metano per risparmiare. E pure per inquinare meno: una curiosa eterogenesi dei fini nell’Unione Europea che vorrebbe orientarsi verso la cosiddetta “transizione energetica”. I cui costi stiamo iniziando a pagarli salati.

Aumenti anche per benzina, diesel e gpl

Non solo il prezzo del metano. Ritocchi all’insù si sono registrati, negli ultimi giorni, anche per tutti gli altri carburanti da autotrazione. La benzina, vicina in media agli 1,7 euro al litro, è ai massimi dal 2014. Va solo poco meglio per il diesel, che quota al di sopra degli 1,5 euro al litro. Il gpl, invece, segna rincari in media nell’ordine del 10%.

Nicola Mattei



La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. Siccome ho ancora talvolta la malaugurata tendenza a commutare in lire, mi pare che non si sgonfi un bel nulla salvo, pericolosamente, la qualità della “gomma” ! Buon rimbalzo… rammentando che l’ accumulazione è comunque una fase finale del processo.

Commenta