Il Primato Nazionale mensile in edicola

New York, 1 nov – Sayfullo Saipov, che nel giorno di Halloween ha compiuto il peggiore attentato che New York e gli Stati Uniti abbiano conosciuto dopo l’11 settembre 2001, si è detto orgoglioso di quel che ha fatto. L’attentatore, infatti, caso più unico che raro, è stato catturato vivo. A colpirlo un poliziotto che si trovava sul posto quasi per caso, perché in un liceo lì vicino una studentessa aveva minacciato di suicidarsi. Ha assistito all’attentato e ha sparato, colpendo Saipov senza ammazzarlo. Nel dubbio, però, l’attentatore aveva lasciato un biglietto vicino al furgoncino usato per l’attacco, nel quale aveva scritto che agiva per l’Isis.



Ora che l’uzbeko con la Green Card vinta alla lotteria è finito sotto torchio, ha cominciato a parlare e oltre a vantarsi per il suo gesto ha dichiarato che avrebbe voluto uccidere ancora. È emerso che si tratterebbe di un “lupo solitario” e nel suo computer è stato trovato materiale legato all’Isis.

Saipov si sarebbe radicalizzato negli Stati Uniti. Già nel 2015 l’Fbi lo interrogò su suoi possibili legami con sospetti terroristi ma tutto si risolse in un nulla di fatto. Quel che più stupisce e fa riflettere è la modalità con cui l’uzbeko ha ottenuto la Green Card, che gli ha garantito il permesso di soggiorno illimitato. “Il terrorista è arrivato nel nostro paese grazie alla cosiddetta ‘lotteria per la diversità dei visti’, una bellezza di Chuck Schumer. Li voglio in base al merito” ha twittato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Già, perché negli Stati Uniti i visti è possibile vincerli, grazie a una legge in vigore dal 1995 voluta dai democratici, che ogni anno mette a disposizione 55mila permessi di soggiorno permanente per persone provenienti da “paesi scarsamente rappresentati”. Per diversificare la provenienza degli immigrati vengono selezionate le domande provenienti dai Paesi che nei cinque anni precedenti hanno avuto un basso tasso di emigrazione verso gli Stati Uniti. Se si ha un colpo di fortuna, anche se si è terroristi o potenziali terroristi, si può ottenere il visto e rimanere per un periodo illimitato in America.

Anna Pedri



La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta