Parigi, 16 apr – “Non ho parole, questa ferita alla cattedrale di Notre-Dame è terribile, ma è una sciagura che viene dal cielo e si abbatte sulla nostra società sempre più precaria e senza fondamenta”, è il grido di dolore di Gérard Depardieu, che in un’intervista a Repubblica ha commentato l’incendio che ha devastato la cattedrale di Notre Dame, esprimendo tutto il proprio sgomento per la sciagura avvenuta a Parigi. “È un colpo durissimo che mi turba profondamente […] È una brutta ferita per la città intera”.

Dolore e rabbia

Dolore sì, ma anche tanta rabbia. Dal castello di Tigné nel cuore dell’Anjou, Valle della Loira, l’attore non esita a puntare il dito contro l’organizzazione dei lavori di restauro: “Mi spaventa e mi fa indignare soprattutto la dinamica dei fatti. Un incendio che è divampato su un’impalcatura installata per lavori di conservazione. Mi è subito tornato in mente il rogo del Teatro La Fenice di Venezia. Era il 1996, oggi siamo nel 2019…”. Un’occasione, questa, per sferrare l’ennesimo, evidente atto d’accusa a Macron, contro il quale Depardieu non è mai andato per il sottile: “Oggi la nostra società paga il prezzo dell’incapacità di governare e di fare bene le cose. Nel piccolo come nel grande mancano i professionisti che sappiano lavorare in sicurezza e con la massima affidabilità…”.

E poi lo spazio per uno struggente ricordo: “Ho ancora impresse nella mia mente le migliaia di persone che erano venute ad ascoltare la mia lettura di Sant’Agostino d’Ippona. Tremila persone dentro Notre-Dame, più di quattromila all’esterno”…

Cristina Gauri

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here