Il Primato Nazionale mensile in edicola

Damasco, 13 Mag – Uno dei più importanti comandanti delle truppe libanesi di Hezbollah,  Mustafa Badreddine (Sayyed Dhulfiqar), è stato ucciso ieri nel corso di un raid aereo israeliano nei pressi dell’aeroporto internazionale della capitale siriana. Pare che anche due comandanti paramilitari iraniani siano rimasti uccisi durante l’attacco di ieri. La notizia è stata diffusa attraverso un comunicato del partito libanese e confermata da fonti militari di Damasco.

Il comandante Mustafa Badreddine aveva promesso di tornare in Libano da martire o da vittorioso. Arrivò ai vertici militari di Hezbollah nel 2008 a seguito dell’uccisione del suo predecessore Imad Mughniyeh, anch’egli colpito nei pressi di Damasco. Non è la prima volta che Israele punta al cuore di Hezbollah in terra siriana: nel dicembre 2015, venne ucciso nelle stesse circostanze il comandante libanese Samir Kuntar.

Non è ancora chiaro come Israele abbia potuto violare lo spazio aereo siriano, come le unità anti-aeree dell’esercito arabo siriano non siano state in grado di rispondere all’attacco e come le forze militari israeliane siano venute a conoscenza della posizione esatta del comandante. Resta chiaro, tuttavia, come il conflitto in Siria stia diventando sempre più terreno di scontro per gli interessi delle grandi potenze mondiali ai danni della sovranità nazionale della Siria e dei suoi alleati. Da Israele nessun commento alla notizia.

Ada Oppedisano

2 Commenti