Inutile nasconderlo: le nostre città stanno cambiando nell’arredo urbano, e lo si nota anche dai differenti tipi di negozi che stanno aprendo in questi ultimi anni. È perciò impossibile non notare quanto stiano cambiando, parallelamente, anche le competenze di chi si occupa di arredamento negozi. Il “look” della propria attività sta diventando ancor più importante del prodotto che si vende e in molti casi si decide di investire in un determinato settore merceologico perché prodotto e arredamento diventano un unico corpo attraverso il quale raccontare la propria identità. Vediamo, pertanto, quali sono i trends per il prossimo 2022, quali sono le attività che stanno facendo tendenza in termini di arredo e di design e come – nel caso si abbia già un’attività – correre ai ripari per evitare la chiusura.

Arredamento negozi di accessori per Paddle (o Padel)

Volete davvero un consiglio su cosa andrà di tendenza nel 2022? Apritevi un negozio di arredamento per articoli sportivi specializzati in Paddle. Il paddle o padel è un nuovo sport che sta rapidamente prendendo piede ed è, di fatto, una via di mezzo tra il tennis e lo squash. È stato inventato dal messicano Enrique Corcuera ad Acapulco nel 1969, ma negli ultimi anni è stato ampiamente diffuso in Europa. La progettazione e la realizzazione di questo punto vendita avviene in modo semplice e veloce e i costi di realizzazione sono davvero esigui.

Il boom dei negozi di caffè

Aumentano i negozi di caffè, venduto in polvere, in cialde ed altre modalità di consumo, che spesso associano ai prodotti di consumo anche le macchine. È un vero e proprio boom, determinato dalla maggior richiesta di questi prodotti, ma anche dalla facilità, e dai costi bassi, di aprire un negozio del genere. Come arredare però uno spazio simile senza risultare “ridondante” e confondere i clienti? Ecco qualche suggerimento utile.

Chi si converte dalla moka alla cialda o alla capsula lo fa perché vuole più praticità di utilizzo e ha meno tempo. In più desidera un caffè più simile a quello del bar, rispetto a quello della moka. La tendenza per il 2022 prende sostanzialmente 2 strade: c’è chi sceglierà ancora lo stile tipico sud-americano con scaffali in legno e sacchi di juta e un mood molto vicino al mondo dei negozi di frutta e verdura, ma c’è chi si rivolgerà a professionisti dell’arredamento negozi per realizzare un punto vendita in stile gioielleria con capsule colorate posizionate dentro box eleganti color wengè e luci/spot che puntano su ciascuna gamma di prodotto.

Arredamento negozi per bambini e neonati: con i più piccoli non si sbaglia mai

Un negozio per bambini ha la funzione di unire due caratteristiche importanti: servire ai genitori, i quali dovranno trovare tutto quello di cui il bimbo ha bisogno, ed essere piacevole anche per gli stessi bambini, che non dovranno annoiarsi nel periodo dello shopping e dell’attesa delle compere. È perciò fondamentale pensare a tutti i dettagli al fine di soddisfare queste esigenze. Prendiamo in considerazione un negozio molto grande, in cui si possano trovare davvero tutte le tipologie di prodotti per l’infanzia, e vediamo in che modo potrà essere disposto l’arredo negozi.

Tieni conto dei diversi reparti e differenzia l’arredamento

L’arredamento di un grande negozio per bambini suddiviso in reparti andrebbe differenziato quanto più possibile, senza essere tutto uguale e “standardizzato” . Esposizione, classificazione e spazi dedicati ad offerte e promozioni ci saranno ovunque, nelle aree del negozio, ma un conto sono gli spazi destinati a prodotti per l’alimentazione, l’igiene per l’infanzia e il premaman, un altro conto saranno gli arredi e la disposizione della merce per l’abbigliamento, le calzature, i giocattoli o i passeggini.

Arredamento negozi per animali: i pets store corrono fortissimo

Nonostante il boom degli ultimi anni e le numerose aperture in tutti i quartieri possibili e immaginabili, continua il trend positivo delle aperture di pets store di qualsiasi dimensione. Fondamentale anche qui curare in modo maniacale l’arredamento di questo genere di attività. C’è da dire che l’arredo e il design dei pets store è cambiato tantissimo in questi ultimi anni, complice il grande affetto che nutriamo noi italiani nei confronti dei nostri amici a 4 zampe (ma non solo). L’arredamento di negozi per animali, pertanto, diventa incredibilmente importante se ci si vuole distinguere da tutti gli altri pets store; se da un lato, infatti, la richiesta c’è e di conseguenza il business è al sicuro, dall’altra parte bisogna comunque ragionare su come prendere quote di mercato dalla concorrenza. Un arredamento che metta in risalto i prodotti divisi non solo per tipologia di alimento (cibo per cani, per gatti, per uccelli, ecc.) e per settore (cibo, accessori, parafarmaci, ecc.). Oggi il cliente sa bene quanto vuole spendere per il proprio amico pet, pertanto sarà necessario anche dividere il settore alimentare anche per fascia di prezzo per consentire di individuare la gamma di “mangimi” più adatta anche alle proprie tasche. Da non dimenticare di formare i propri dipendenti in modo che possano rispondere con precisione ad eventuali consigli richiesti dalla clientela. Se è vero che l’arredamento aiuta, è anche vero che per tenersi caro il cliente, occorrerà essere più preparati della concorrenza.

Se conosci altri trends per il prossimo 2022 circa l’arredamento negozi, condividi questo articolo sulla tua pagina social e commenta.

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta