Per un’estetista è imprescindibile l’utilizzo di una o più lampade a Led e con lente d’ingrandimento, a seconda del numero di postazioni impiegate. Questo dispositivo permette di portare a termine con la massima precisione il lavoro che si sta svolgendo, evitando di lasciarsi sfuggire i piccoli — ma fondamentali — particolari nella ricostruzione unghie, durante la depilazione, o nel corso di una sessione di trucco. Non solo: consente all’estetista di lavorare senza sforzare la vista evitando spiacevoli conseguenze di tipo medico.

Lampade da estetista: caratteristiche generali

Le lampade da estetista (qui potete trovare un’ampia gamma di modelli specifici per le vostre esigenze lavorative), oltre a essere munite di una potente illuminazione a Led (caratteristica fondamentale perché oltre ai vantaggi già descritti fa risparmiare sulla bolletta della luce) deve possedere una lente di ingrandimento per consentire lo svolgimento del lavoro nella massima precisione. La potenza della lente varia in base alle diottrie, come nel caso degli occhiali da vista: quelle più gettonate sul mercato variano da 5 a 8 diottrie, ma spendendo qualcosa in più è possibile trovarne di maggiormente potenti.

Nello scegliere tra i vari modelli di lampade da estetista disponibili nella vendita online, come prima cosa è necessario orientarsi su uno dei due modelli più utilizzati: la lampada da tavolo per manicure o quella lampada professionale con stativo. La prima tipologia è dotata di base d’appoggio o di un morsetto. La seconda è rivolta invece a chi si occupa di prestazioni estetiche da lettino con stativo, che può essere maneggiata per trovare la posizione migliore. A questo punto è necessario valutare la migliore opzione di illuminazione, sempre in base alle proprie esigenze e disponibilità.

L’illuminazione

Oltre alle lampade da estetista con luce a Led (che abbattono i consumi, particolarmente cari in questo periodo) è possibile trovare modelli al neon. Poi si dovrà scegliere la modalità di accensione: quella tradizionale, con il semplice tasto, oppure un più avanzato sistema di accensione automatica, tramite il sensore di movimento. Questo consentirà all’operatore di risparmiare ulteriormente sui consumi.

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta