Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 dic – Costretto a rincorrere, sia sul piano politico che soprattutto comunicativo, anche l’agenda del candidato dem alla presidenza dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini è zeppa. Non sempre, però, i risultati sono all’altezza delle aspettative. E così, se Salvini a sostegno di Lucia Borgonzoni riesce ancora a scaldare (e riempire) le piazze, all’esponente Pd tocca invece talvolta dover fare conti con un pubblico non proprio delle grandi occasioni.

Bonaccini e il comizio nella piazza deserta

Succede ad esempio a Piacenza, dove al comizio di Bonaccini non si sono presentate più che una manciata di persone. Forse l’orario (era sera) non aiutava, così come il fatto di parlare nella provincia più a destra di tutta la regione, mentre non si può imputare il flop alle avverse condizioni meteo: era il 20 dicembre e le temperature in zona ancora gradevoli. Comunque sia, il governatore uscente si ritrova a parlare di fronte ad una platea decisamente striminzita.

La circostanza non è sfuggita ai più – c’è chi ha ironizzato: “Bagno di folla al comizio di Bonaccini, non spingete!” – specialmente di fronte a sondaggi che sembrano darlo in leggero vantaggio sulla sfidante leghista. A pesare – va detto – sono però gli indecisi, ancora al 25%. Una massa critica non indifferente e che potrebbe segnare l’esito del voto di fine gennaio. Il quale, se dovesse ad oggi basarsi sul gradimento “di piazza”, non vedrebbe partita.

Nicola Mattei

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Il solito inutile giochetto di dire che sarà un testa a testa… Leggero vantaggio… Percentuali risicate… Perché? Perché chi è indeciso rivoterà i partigiani autoreferenziati che da anni cambiano nomi inutilmente. Sono marroni come la Emme e come i loro amichetti trasbordati.

Commenta