Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milanorom, 2 lug – Il Consiglio regionale della Lombardia ha deciso di cancellare una legge del 1989 riguardante le “azioni regionali per la tutela delle popolazioni appartenenti alle etnie tradizionalmente nomadi e seminomadi” ed un altra del 2000 relativa agli “interventi per la promozione dell’integrazione europea”. In pratica quindi non ci sarà più spazio per finanziamenti regionali ai campi rom.
Promotore dell’iniziativa è il consigliere della Lega Nord Fabio Rolfi, il quale spiega: “In Lombardia non vogliamo più spendere né soldi né tempo per l’assistenzialismo a chi non se lo merita. Con questo provvedimento abbiamo cancellato definitivamente una legge discriminatoria nei confronti dei lombardi e assistenzialista, che è servita unicamente a foraggiare il mangia-mangia di certe cooperative interessate”.Lombardia cancella legge su nomadi, lega in aula con ruspa
Hanno votato a favore del provvedimento anche le altre forze della maggioranza di centro-destra mentre hanno espresso parere contrario il PD (“questa è la Regione guidata dalla Lega che non perde occasione per fare propaganda sui soliti temi, ovvero contro i nomadi e contro l’Europa”, le parole del consigliere democratico Fabio Pizzul) ed anche il Movimento 5Stelle.
Al termine della seduta alcuni leghisti hanno mostrato in aula una ruspa giocattolo.
Lorenzo Berti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta