Roma, 3 mar – E alla fine il giorno tanto atteso arrivò. Dalle 8 di questa mattina si può votare presso i circa 7mila gazebo allestisti per le primarie dal Partito democratico. Il rischio di un’affluenza flop è molto alto, per questo tutti i dirigenti del partito hanno fatto appello alla partecipazione, sperando così di arrivare almeno a un milione di votanti. Resta solo da capire perché scomodarsi e perdere una giornata di riposo per andare a sancire un risultato scontatissimo: Nicola Zingaretti, infatti, è il grandissimo favorito per la vittoria finale. Seguono lo scialbo Maurizio Martina e, in veste di outsider, Roberto Giachetti, l’ultimo irriducibile renziano.

Dietro le quinte

Nonostante le dichiarazioni dei tre candidati alla segreteria del Pd, che hanno ribadito l’unità del partito, si respira già aria di guerriglia. Dopo il voto delle primarie, infatti, si attende una resa dei conti tra l’ala zingarettiana e i renziani. Zingaretti, esponente della corrente post-dissina, ha incassato l’appoggio di Gentiloni, Romano Prodi, Enrico Letta a Walter Veltroni, ed è in effetti il nemico giurato di Matteo Renzi e, più in particolare, della sua idea di Partito democratico. Non è un caso che l’ex rottamatore abbia già promesso, dietro la retorica del «stai sereno», uno scontro con la nuova segreteria, qualora Zingaretti pensasse a un’intesa con i Cinque Stelle.

Scissione vicina?

Pertanto, più che il risultato delle primarie in sé, sarà ben più interessante vedere come le fazioni si muoveranno nel day after. Vedere, cioè, se la guerra sarà aperta o sotterranea, e se Renzi avrà ancora qualche cartuccia da sparare, o sarà costretto, viceversa, ad abbandonare l’armata per fondare un nuovo esercito (alias un nuovo partito). E lì, infine, ci sarà da capire su quanti fedeli potrà veramente contare il generale sconfitto.

Gabriele Costa

Commenti

commenti

5 Commenti

  1. Il partito anti-italiano, servo dei Bilderberg, dei finanzieri della dissoluzione dell’Europa, sostenuto da miliioni di utili idoti, pecore insulse dedite all’adorazione del tratto terminale del tubo digerente, al cambio sesso semestrale, e allo svacco perenne. Pro africanizzazione, sostituzione etnica, pro sharia, pro spaccio libero, pro scarcerazione di criminali, pro aborto a 9 mesi, pro eutanasia per mal di denti e mal di testa, pro defecazione libera in strada, pro tutto quello che sia degrado e demenza. Avanti così… Auguri Italia!!

  2. ma questo sito è dei grillini? che commenti assurdi e considerazioni scaturite da cattiveria acuta.
    dove sta scritto che renzi farà un partito ed altre stronzate varie, fate commenti seri e non rompete.
    il pd se sarà unito indipendente da chi vincerà le primarie sarà in grado di riportare i propri elettori verso il centro sinistra, se saranno divisi, spariranno come bertinotti o i buffoni vigliacchi che sono scappati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here