Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 23 dic – Eugenio Scalfari, malgrado l’incedere inesorabile dell’età, si ostina a voler scrivere. Il risultato è una miscela di sfondoni imbarazzanti, lapsus rivelatori del non-detto dell’ideologia globalista e veri e propri deliri. Anche l’editoriale di ieri per Repubblica ci ha offerto una sintesi formidabile del suo stato mentale ed emotivo. Ad esempio, vi si può leggere che le sardine sarebbero una sorta di reincarnazione della Giovine Italia mazziniana (pietà) o che «l’Italia potrebbe diventare un Paese di marca europea» grazie a personalità di peso internazionale del calibro di… Walter Veltroni, Piero Fassino e Marco Damilano! Fossimo in Scalfari, proporremmo Fassino al ministero delle Profezie.

La geopolitica del fascismo

Ad ogni modo (e scherzi a parte), in mezzo alle tenebre della psiche di Scalfari, ecco che un bagliore squarcia l’oscurità: «L’Italia è una sorta di paesino. Aveva riacquistato un minimo di presenza internazionale ai tempi del fascismo. Avevamo ripreso una presenza africana ed anche balcanica: non più di questo ma era già qualcosa. Poi ha perso tutto con la disfatta bellica ed è quasi miracoloso che ancora esista come Nazione», ha scritto con sorprendente lucidità il fondatore di Repubblica. Forse si sarà ricordato di quando era iscritto ai Guf (i gruppi universitari del Pnf) ed era caporedattore di Roma Fascista. Fatto sta che Scalfari smette per un attimo i panni dell’intellettuale organico e per una volta fa i conti con la realtà storica.

Scalfari e la Brexit

L’analisi che precede il passaggio sulfureo, peraltro, non è affatto banale. Scalfari fotografa con puntualità l’attuale situazione geopolitica del Mediterraneo, lamentando un ritardo (evidente) dell’Italia. Anzi, pur deplorando la Brexit e il suo alfiere, Boris Johnson, l’editorialista di Repubblica sottolinea che «un’Inghilterra isolata potrebbe essere tentata dal ricostruire una sia pur piccola parte del proprio impero che nacque ai tempi di Enrico VIII e di Elisabetta la Grande». Di qui il paragone impietoso con l’Italia, che non ha una vera politica estera dai tempi del fascismo. Certo, ci sarebbe da tirare le fila del discorso e capire – ed esplicitare ai lettori – che una geopolitica degna di tale nome è di fatto impossibile all’interno del carrozzone Ue. Ma forse, per il momento, quello è un passo davvero troppo ardito. Eppure, il fatto che Scalfari abbia ricordato lo status internazionale dell’Italia ai lettori semicolti di Repubblica, se non è tutto, è già molto. Accontentiamoci.

Valerio Benedetti

La tua mail per essere sempre aggiornato

10 Commenti

  1. Eugenio Scalfari invecchiando ha migliorato l’ alimentazione per non lasciarci le penne.. e qualche sinapsi ha ripreso a funzionare. Ma il suo tempo politico è scaduto, sepolto sotto le macerie.
    Attenzione invece a Sergio Rampini…

  2. Si certo. Aveva una presenza internazionale, ma era una dittatura autoritaria di merda che aveva commesso crimini di guerra in africa, senza poi contare che fine ha fatto nella seconda guerra mondiale…

    Preferisco di gran lunga vivere in una nazione ridicolizzata dal mondo ma pur sempre libera, grazie

    • Caro lettore Vulkrox, il discorso da Te innescato sul fatto di essere LIBERI, oppure no, è vastissimo, in quanto bisogna prima intendersi sul che cosa si INTENDE per LIBERTÀ. Sintetizzando ai limiti delle mie modeste capacità, se per LIBERTÀ Tu intendi quella di inciuccarTi & impasticcarTi senza ritegno da mane a sera, dare spettacolo con il culo squaccio in pubblica piazza in occasione di certi “orgogli”, vandalizzare & degradare impuniti sputando in faccia ai questurini, etc., etc., Allora io direi che, FONDAMENTALMENTE, il Tuo Ideale sia QUASI completamente realizzato. Qualsiasi “centro sociale” farà di tutto e di più perché Tu et similia possiate GODERE al massimo di detti diritti. Cercando, nel frattempo, di estenderli. Tipo: fare la pelle ad altre persone che, a torto o a ragione, vengono percepiti come OSTACOLI e/o BERSAGLI. Ma ricordati una COSA: vale per le singole persone come per le famiglie, vale per elementari comunità come per Stati & Nazioni: ciò che non è rispettato/a, o addirittura, parole Tue, che è ridicolizzato/a dal Mondo Intero, (O anche molto, molto meno…..), Non potrà MAI! essere VERAMENTE LIBERA! Paesi/cesso docet…..

  3. ?. CON QUESTI GIORNALISTI.CHE PARLANO DI STORIA SENZA CONOSCERLA .COME MUSSOLINI CHE CONOSCEVA SOLO L’ITALIA . NON È CORRETTO RISPONDERE AD UNO CHE HA CAMPATO ASSAI ,È SEMPLICEMENTE RIDICOLO COMMENTARE . UN NULLA .

  4. Si può vivere da cani ,ma non di orgoglio. Capisco che meglio un giorno da leone che cento anni da pecora oggi il detto non conta più tra sardine ,arcobaleno, giratondini,e più ne hai più ne metti tanto l’italia Si sta’sbriciolando fa acqua alta e non solo a Venezia da tutte le parti quindi tu ci stai bene in questo letame.

Commenta